Oggi sit-in davanti alla Prefettura per ribadire la contrarietà al Cpr

MACOMER. L’assemblea “No Cpr né a Macomer né altrove” ha indetto per questo sera, a partire dalle 17.30 davanti alla Prefettura di Nuoro, un sit-in per ribadire la contrarietà alla struttura...

MACOMER. L’assemblea “No Cpr né a Macomer né altrove” ha indetto per questo sera, a partire dalle 17.30 davanti alla Prefettura di Nuoro, un sit-in per ribadire la contrarietà alla struttura regionale di detenzione per migranti aperta a gennaio nell’ex carcere di Bonu Trau a Macomer.

«Abbiamo deciso di indire un presidio, invitando tutte le realtà, associazioni e individui, con l’intento di portare sotto la Prefettura le nostre domande e le nostre richieste di chiarimenti e spiegazioni, finora rimaste inevase e inascoltate», scrivono gli organizzatori rimarcando la necessità di contribuire alla costruzione di un movimento ampio e trasversale che sappia articolare un’opposizione netta e senza compromessi a quelli che definisce «campi di concentramento per migranti da deportare». «Dalla viva voce delle persone recluse abbiamo la certezza del superamento del limite di detenzione per alcuni – si legge ancora nella nota che denuncia per l’ennesima volta la situazione interna al Cpr –. Abbiamo notizie di preoccupanti, che riguardano la sicurezza, il vitto e le condizioni sanitarie. Abbiamo ricevuto richieste di beni di prima necessità assenti all’interno e ci è stato raccontato dell’ingiustizia di non poter stare davanti al giudice di pace e della quasi impossibilità di comunicare con l’esterno. La Prefettura di Nuoro, mantiene un totale silenzio sulla questione».

La manifestazione sarà anche l’occasione per raccogliere donazioni per l’acquisto di schede telefoniche da donare alle persone detenute nel Cpr, affinché siano in condizione di comunicare con familiari e legali.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes