La carica delle nonnine: sette centenari in 20 mesi

Jerzu si conferma terra di longevi. Il sindaco Lai: «Traguardo straordinario» La new entry è Albina Mou. A fare festa con lei anche Maria Laconi (101 anni)

JERZU. La longevità è un elemento che caratterizza il paese del Cannonau. Come ha evidenziato il sindaco Carlo Lai «negli ultimi 20 mesi ben 7 jerzesi (residenti in paese) hanno tagliato questo straordinario traguardo». Tre hanno compiuto i 101 anni: si tratta di Maria Laconi (il 26 marzo), mentre a gennaio, il 22 era toccato a Ida Mereu (storica maestra d’asilo), e 16 giorni prima lo stesso invidiabile traguardo era stato raggiunto da Giovanni Loi. Gli altri tre jerzesi ad avere raggiunto il secolo di vita quest’anno sono nati tutti ad aprile: il 18 Maria Ligas. l’8 il maestro Manfredi Mereu, mentre il giorno precedente, a spegnere le candeline sulla torta del 100° compleanno è stata Amelia Contu. Il 21 agosto Elvira Orrù, residente a Castiadas da circa 60 anni, ma nata e cresciuta a Jerzu da dove partì all’età di 40 anni, ha compiuto 102 anni. La nuova centenaria jerzese, Albina Mou, ha compiuto gli anni due giorni fa, domenica 6. «Stamattina zia Maria Laconi 101 anni compiuti (il 26 marzo) – ha detto domenica il sindaco – voleva assolutamente recarsi a casa di zia Albina Mou per farle personalmente gli auguri di buon centesimo compleanno. L’ha fatto».

Lo stesso Lai, a nome di tutta l’amministrazione, ha raggiunto telefonicamente la nuova centenaria per porgerle i migliori auguri e per portarle l’abbraccio ideale e affettuoso di tutta la comunità. «Straordinario ed emozionante – ha affermato il sindaco – il colloquio con una persona in una forma e una lucidità invidiabili. Un colloquio che ha lasciato un senso di serenità, di conforto, di gioia e di speranza». Albina Mou ha avuto quattro figli, otto nipoti e quattro pronipoti, una vita di lavoro nella sua attività commerciale e sempre partecipe nelle iniziative imprenditoriali accanto al compianto marito, il Cavalier Contu. «Ribadiamo – ha detto ancora Lai – quanto abbiamo avuto modo di evidenziare più volte in questi ultimi mesi: gli anziani sono la nostra memoria. Gli anziani sono il collegamento fra noi e la generazione precedente. La qualità di una società, vorremmo dire di una civiltà, si giudica anche da come gli anziani sono trattati e dal posto loro riservato nel vivere comune. La longevità jerzese testimonia di quale straordinario ruolo nella nostra comunità venga assegnato agli anziani e con quanta cura essi siano assistiti. Zia Albina e i suoi meravigliosi 100 anni sono un’ulteriore dimostrazione di tutto ciò». Già in primavera, quando i centenari del paese sono cresciuti in maniera esponenziale, Lai è stato chiaro, evidenziando come qualsiasi considerazione che induca a parlare di record o primati non è importante. «L’oramai celebre e indiscussa longevità jerzese – ha concluso – testimonia di quale sia, rispetto agli anziani, il livello di cura, amore e attenzione prestato dai familiari e non solo nella loro opera di convivenza, compagnia, coinvolgimento e assistenza».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

WsStaticBoxes WsStaticBoxes