Orotelli, un bando per costruire una rete di artigiani

L’iniziativa del Gal Barbagia verrà presentata martedì Previsti incentivi a fondo perduto per diverse imprese  

OROTELLI. Verrà presentato martedì 22 settembre, con una diretta sulla pagina Facebook del Gal Barbagia il bando “Costruire la rete degli artigiani del territorio” messo a punto dall’ente sovracomunale per sostenere l’artigianato e rafforzare la cooperazione tra gli artigiani del territorio. Per partecipare occorre collegarsi alla pagina Facebook Galbarbagia a partire dalle 18. «Invitiamo a collegarsi alla nostra pagina social – si legge in una nota del Gal – tutti i possibili beneficiari, ovvero le imprese artigiane che si occupano delle seguenti lavorazioni: legno, metalli, sartoria e confezioni, calzature e pelletterie, gioielli, artigianato artistico, maschere e costumi, edilizia e restauro; le associazioni di categoria artigiane; le associazioni culturali che si occupano di promozione o commercializzazione dei prodotti artigianali; i musei, le fondazioni e le altre istituzioni pubbliche o private con una comprovata esperienza nelle attività di studio, promozione o commercializzazione dei prodotti artigianali».

Le risorse finanziarie disponibili ammontano a 45mila euro. Il sostegno è erogato sotto forma di incentivo a fondo perduto ed è pari al 100 per cento della spesa ammissibile.

Possono accedere al contributo le aziende artigiane che hanno la propria sede nei comuni che fanno parte dell’area Gal Barbagia: Fonni, Mamoiada, Oliena, Orani, Orgosolo, Orotelli e Ottana. «Il bando – si sottolinea nella nota – intende finanziare un unico progetto di rete per rafforzare la cooperazione fra gli artigiani dell’area Gal al fine di valorizzare e commercializzare le produzioni locali e per promuovere l’utilizzo delle materie prime del territorio». Le attività previste dal bando riguardano l’animazione territoriale per coinvolgere e aggregare gli operatori artigianali del territorio; la costituzione di una rete degli artigiani locali della lavorazione del legno, metalli, sartoria, confezioni, calzature e pelletteria, gioielli, artigianato artistico, maschere e costumi; l’identificazione dei prodotti e dei manufatti, con particolare riferimento al contesto sociale e territoriale dal quale provengono; l’organizzazione di eventi quali studio, promozione e commercializzazione dei prodotti artigianali condivisi con altri attori locali e non che operano esternamente alle filiere di tipo artigianale. «Con questa iniziativa – fa sapere il presidente del Gal Barbagia, l’imprenditore di Oliena Paolo Puddu - vogliamo incoraggiare le realtà imprenditoriali e favorire la creazione di una rete di imprese artigiane, che traduca le enormi potenzialità inespresse del nostro territorio in concrete occasioni di sviluppo economico locale».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

WsStaticBoxes WsStaticBoxes