Bosa, i positivi salgono a quota dodici

Nuovo intervento del sindaco. A Montresta le scuole restano aperte

BOSA. Quattro con il sole, dodici dopo il tramonto. Triplica in poche ore il numero dei contagiati da Covid-19 nella città del Temo. Lo annuncia venerdì sera il sindaco in un comunicato che richiama anche una ordinanza: quella che stabilisce con effetto immediato e fino all’11 novembre la chiusura di scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado, pubblica e privata a Bosa. Uno “schiaffo” di dura, pesante, realtà, dopo un lungo periodo di tranquillità. Che rimbalza repentinamente di famiglia in famiglia e quantomeno preoccupa, anche se «la situazione è attentamente e costantemente monitorata, per cui nessun allarmismo. La decisione di chiudere le scuole è presa per assoluta precauzione, e permetterà di intervenire in questi giorni con una attenta sanificazione degli spazi frequentati da bambini, ragazzi e personale» tranquillizza il vice sindaco e delegato alla Protezione Civile comunale Alessandro Campus. Questo perché tra i positivi ci sono «docenti e alunni frequentanti le scuole e loro familiari» spiegava il sindaco Piero Franco Casula nell’avviso diramato la serata del 6 novembre. Sempre a Bosa, vista la situazione e anche alla luce delle linee del nuovo Dpcm, la storica Canottieri Sannio annuncia la temporanea sospensione delle attività del circolo sportivo. Anche a Montresta la situazione appare sotto controllo e il sindaco Salvatore Salis, in fascia tricolore solo da qualche giorno, ringrazia i carabinieri della locale stazione per l’impegno nel tracciamento, dopo la scoperta di una persona positiva al Covid giovedì scorso. Salis inoltre fa sapere che in paese le scuole non chiuderanno. (al.fa.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes