Salvatore Lai si insedia e rinuncia all’indennità

Gavoi, ieri prima riunione del consiglio comunale dopo le ultime amministrative Angela Maria Marchi è la vice sindaca, Buttu, Dore e Mulas gli altri assessori

GAVOI. È stata con la comunicazione della rinuncia alla indennità da sindaco, dopo i saluti di rito e i ringraziamenti ai componenti, che si è aperto il primo consiglio comunale di insediamento con il neo sindaco Salvatore Lai. «Una scelta che arriva come ringraziamento alla comunità che ancora una volta mi ha voluto alla sua guida», ha spiegato, per poi procedere subito dopo il giuramentoalla comunicazione dell'assegnazione degli assessorati e delle deleghe. La vice sindaca è Angela Maria Marchi, competente anche su bilancio, tributi e imposte comunali, attività produttive e politiche per il lavoro. Assessore tecnico è Salvatore Buttu. Il suo apporto in materia di promozione delle attività culturali, pianificazione territoriale e opere pubbliche, affiancherà il lavoro del resto della giunta nominata invece all'interno della maggioranza e in particolare avrà l'aiuto del consigliere e capogruppo di maggioranza Domenico Marchi, con delega per l'attuazione del programma amministrativo, patto di cittadinanza, trasparenza amministrativa.

La consigliera Ivana Dore è assessore ai servizi sociali, sanità territoriale e politiche scolastiche. Con lei collaborerà per ciò che riguarda le politiche per la famiglia inoltre la consigliera Rosangela Sedda. Al turismo, ambiente e protezione civile è stato nominato Paolo Mulas, che nell'ultimo settore sarà affiancato dal consigliere Fabio Nurchi, che ha la delega alle reti tecnologiche, manutenzioni e decoro urbano. Infine il consigliere Giovanni Daga ha invece la delega ai rapporti con le associazioni e collaborerà con il consigliere Fabrizio Lostia su promozione sportiva e tempo libero. In mano al sindaco rimangono le deleghe su politiche europee, rapporti con gli enti territoriali e personale dipendente.

Un'azione amministrativa che parte dal patto dell'amministrazione con i propri cittadini, rimarcato anche con la volontà di «amministrare con profondo rispetto e riconoscenza per coloro che l’hanno fatto fino a oggi, perché nonostante possano esserci delle visioni diverse, come legittimo che sia, è sempre positivo che ci siano persone che sacrificano tempo ed energie per la cosa pubblica», ha spiegato il neo sindaco. E che prosegue con il patto di Gavoi con il territorio, poichè «la dimensione del progettare e dell’operare non può che essere proiettata su una dimensione più vasta». Dopo la presentazione di ciascun assessore, la parola è passata all'opposizione con Selene Deiana, Enrico Mura, Giovanni Cugusi e il capogruppo Luca Sedda che hanno esposto come sarà strutturato il loro ruolo e la loro attività.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

WsStaticBoxes WsStaticBoxes