Approvato il progetto per completare il porto

Santa Maria Navarrese, la Regione dà il via libera all’opera da 900mila euro Ci sono oltre 420 posti barca. Da quindici anni premiato con la Bandiera Blu

SANTA MARIA NAVARRESE. Arrivano nuovi fondi per il Marina di Baunei Santa Maria Navarrese. Ad annunciarlo gli amministratori comunali baunesi, con in testa il sindaco Salvatore Corrias (Pd) . «Notizie per i naviganti e non solo fanno rilevare – visto che con propria determinazione (la numero 2219 di giovedi, protocollo numero 32869), la Regione ha approvato il progetto esecutivo delle “Opere di completamento delle strutture e servizi del porto turistico di Santa Maria Navarrese”, progetto finanziato con 900mila euro nell’ambito dell’Accordo di programma Quadro “Portualità Turistica Regionale”, del quale già più volte vi dicemmo». L’esecutivo comunale di Baunei sottolinea che, abreve, espletate le pratiche di legge per l’individuazione dell’impresa che eseguirà i lavori, «avremo un porto rinnovato, e sarà una gran bella cosa per tutto il territorio».

Con i suoi oltre 420 posti barca, fino ai 43 metri, il porto turistico di Santa Maria Navarrese – il cui consiglio d’amministrazione è presieduto dall’avvocato Sebastiano Tronci – i nsieme a quello di Arbatax (Marina Turismar), rappresenta un approdo sicuro nell’area costiera ogliastrina e centro orientale dell’isola. Il porto turistico ubicato nella frazione rivierasca baunese venne inaugurato a giugno del 1988 e come riportato nel sito turismo baunei.eu «è stato costruito adattando la baia racchiusa tra gli scogli a nord della spiaggia di San Giovanni e lo sperone roccioso de Sa Cadrea».

Dallo scorso mese di maggio, per il quindicesimo anno consecutivo, vi sventola la Bandiera Blu, prestigioso riconoscimento internazionale. «La Bandiera Blu – viene ricordato – è un premio assegnato annualmente dalla “Foundation for environment education” (Fee) per qualità ambientale agli approdi che sono impegnati in maniera particolare nella gestione ambientale, nell’ottica del rispetto dall’ambiente locale e della natura, anche fornendo ai propri utenti informazioni relative alle problematiche ambientali». Oltre all’acqua e alla corrente elettrica, nelle banchine i diportisti trovano tutta una serie di servizi: «Travel Lift da 40 tonnellate, assistenza e rimessaggio, servizi igienici con docce, noleggio imbarcazioni, lavanderia, parcheggi, autonoleggio, centro sub, bar gelateria». Fra i servizi all’avanguardia spicca, dal 2005, il “Pequod”, un sollevatore che consente l’accesso a bordo alle persone diversamente abili.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

WsStaticBoxes WsStaticBoxes