Appalti pilotati al Consorzio il Covid fa rinviare al 2021

NUORO. Bisognerà aspettare al 2021 per conoscere il destino processuale delle persone coinvolte nell’inchiesta dei carabinieri di Ottana, che un anno fa aveva condotto all’arresto dei vertici del...

NUORO. Bisognerà aspettare al 2021 per conoscere il destino processuale delle persone coinvolte nell’inchiesta dei carabinieri di Ottana, che un anno fa aveva condotto all’arresto dei vertici del Consorzio industriale di Nuoro. In carcere erano finiti il direttore Tore Serra e il presidente Piero Guiso, ieri quali imputati dal Gup Teresa Castagna. Le accuse comprendono istigazione alla corruzione, falso ideologico e turbata libertà del procedimento di scelta del contraente. Gli altri imputati: Tonino Marchio, di Lamezia Terme, Donato Sabatino, pugliese, Antonio Busi, lombardo, dirigente dell’Antica fornace Villa di Chiesa, Luigi Zilli, piacentino e Antonino Roncone, abruzzese. Marchio e Roncone hanno chiesto il rito abbreviato condizionato, Busi l’abbreviato semplice; poiché alcuni imputati e difensori sono bloccati dalla “zona rossa”, il Gup ha rinviato al 25 febbraio, data in cui sarà sentito un teste. Quindi tutte le posizioni saranno riunite nell’udienza del 4 marzo, in cui si deciderà anche sugli altri imputati che non hanno chiesto i riti alternativi.(si.se.)

WsStaticBoxes

Necrologie

WsStaticBoxes