Caccia al tesoro solidale per gli atleti della Speedy

Irgoli e San Teodoro, integrazione ai tempi del Covid nel rispetto delle regole L’associazione: «Scommessa vinta. I ragazzi meritano momenti così importanti»

IRGOLI-SAN TEODORO. Gli atleti speciali della Speedysport, sempre più numerosi e agguerriti hanno fatto un’altra delle loro imprese. Con una prestazione maiuscola sconfiggono il Covid. Giovedì primo aprile si è tenuta la più grande caccia al tesoro di sempre, e non è stato per nulla un pesce d’aprile: i ragazzi della Speedysport non hanno proprio scherzato fornendo una doppia prestazione di alto livello tecnico, mettendo alle corde il virus maledetto con prendendo tutti gli accorgimenti necessari. La Asd nata a Dorgali, presente in 8 comuni della provincia di Nuoro (Dorgali, Bitti, Orune, Galtelli, Onifai, Loculi, Irgoli, Orosei e San Teodoro), ha infatti programmato un doppio evento, dividendo il gruppo degli atleti e organizzando una Caccia al tesoro inclusiva: la mattina a San Teodoro, il pomeriggio a Irgoli con squadre, composte da ragazzi con e senza disabilità.

I tecnici della Speedy, Emiliano, Roberto, Graziella, Silvia e Giovanni hanno organizzato una manifestazione in piena sicurezza, garantendo sempre la distanza di sicurezza. «Possiamo assicurarvi – commentano gli organizzatori – che gli eventi realizzati con il cuore, possono essere solo meravigliosi. Grazie all’amministrazione di San Teodoro, rappresentata dalla vicesindaca Luciana Cossu e dall’assessore ai Servizi sociali Antonella Debertolo, e al Comune di Irgoli rappresentato da Flora Puggioni con delega ai Servizi sociali e Maura Valenti con delega al Turismo perché ogni giorno supportano Speedysport, dando continuità al progetto inclusivo della nostra Asd».

«L’amministrazione comunale di San Teodoro – è il commento dell'assessora Antonella Debartolo – ringrazia la Speedy Sport per averci proposto di promuovere questa simpatica giornata di socialità. La felicità mostrata da ragazzi e ragazze è anche la nostra felicità. Ci auguriamo davvero di poter ripetere l’evento senza le restrizioni imposte dalla pandemia per garantire a tutti momenti di giovialità e spensieratezza in un più ampio obiettivo di inclusione».

La Speedy ha espresso gratitudine in particolare all’Asd “Dona un sorriso” che ha lo scopo di sviluppare progetti di clown terapy e portare piccoli doni nelle corsie ospedaliere. La Onlus di Siniscola ha deciso di regalare 80 uova di Pasqua ai ragazzi della Speedy e a tutti i ragazzi, con e senza disabilità, che hanno voluto partecipare alla caccia al tesoro, edizione 2021. «La scommessa dell'inclusione – conclude Francesco Fancello ideatore della Speedysport – merita di vivere momenti cosi importanti. Alla prossima».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

WsStaticBoxes WsStaticBoxes