Ichnusa sceglie Gorropu come testimonial dell’isola

Il birrificio ha chiesto ai fan quale luogo rappresentasse “Il nostro orgoglio” La gola nei monti di Urzulei la più votata assieme a Porto Conte e Capo Pecora 

URZULEI. Ci sono luoghi magici che, pur immersi nel silenzio, raccontano l’anima di un popolo. Luoghi che riportano indietro nel tempo, capaci di custodire un’identità millenaria. Gorropu, la gola si snoda nel Supramonte tra Urzulei e Orgosolo, è uno di questi luoghi. È stato scelto dalla birra Ichnusa per una campagna di promozione e valorizzazione dell’isola, denominata “Il nostro orgoglio”, messa punto per questa estate. La società ha scelto il canyon più lungo d’Europa tra ben 400 località segnalate da un centinaio di giovani sardi come luoghi del cuore. Qui, tra le distese di massi abbacinanti , il profumo e mirto e del rosmarino, al cospetto di altissime pareti di calcare bianco, intervallate dall’esplosione del bianco e il rosa egli oleandri in fiore, il silenzio quasi irreale può essere spezzato dalle parole delle esperte guide locali della società di gestione del canyon “Chìntula”, che raccontano di antiche leggende. E facendosi trascinare dall'intreccio degli antichi miti che i vecchi d Urzulei ancora tramandano ai più giovani, sembra quasi di incontrare lo spirito malvagio che ha sembianze umane e cammina a capo chino nella gola, o “sa mamma ‘e Gorropu", la divinità primigenia del crocevia ben conosciuto dagli antichi abitanti dell’isola.

Cosa significhi entrare a Gorropu e avventurarsi per le gole con la speranza di veder volteggiare l'aquila reale o trovarsi di fronte la rarissima aquilegia – una specie vegetale di cui sopravvivo pochissimi esemplari – lo hanno provato una settima fa un gruppo di curiosi viaggiatori che hanno visitato la località in un'intensa due giorni organizzata dalla società che produce la birra sarda per antonomasia. «Il nostro orgoglio rappresenta l’ideale prosecuzione di un percorso di valorizzazione e tutela del territorio della nostra Sardegna che, nel 2018, ha coinvolto prima i dipendenti del birrificio, poi le comunità locali, nella pulizia di diverse aree e spiagge dell’isola», dice Leo Gasparri, responsabile della comunicazione di Ichnusa. «Con questa iniziativa – ha proseguito – vogliamo far conoscere la Sardegna, autentica, valorizzando i luoghi più nascosti e incontaminati che l’Isola può offrire. Sono tesori che vanno tutelati e a cui diamo visibilità con lo stesso rispetto che chiediamo a chi verrà a visitarli»”. A Gorropu si affiancano altri due luoghi del cuore: Capo Pecora e il parco di Porto Conte. Le tre località verranno celebrate con tre murales realizzati da giovani artisti a Mamoiada, Arbus e Alghero lancia e dal lancio di bottiglie della birra in edizioni limitata con etichette raffiguranti i luoghi simbolo de “Il nostro orgoglio”.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

WsStaticBoxes WsStaticBoxes