«Un confronto pubblico sul fotovoltaico nella Zps»

Bolotana. La capogruppo della minoranza Antonella Pisanu sollecita la sindaca «Serve un incontro per spiegare il proliferare degli impianti nella valle del Tirso» 

BOLOTANA. Il proliferare nella media valle del Tirso e, in particolare, nel territorio di Bolotana, di impianti fotovoltaici per la produzione di energia elettrica da immettere poi sul mercato energetico, è al centro di una lettera aperta che la capogruppo della minoranza nel consiglio comunale di Bolotana, Antonella Pisanu, ha inviato alla sindaca, Annalisa Motzo. «Si tratta – sostiene l’esponente dell’opposizione consiliare – di un argomento che suscita dubbi e domande e sul quale occorre confrontarsi in un incontro pubblico in modo che la comunità non venga solo informata, ma abbia anche la possibilità di esprimersi». Antonella Pisanu prende spunto dalla procedura di Via (valutazione di impatto ambientale) in corso di esame alla Regione per la realizzazione, nella pianura di Bolotana, dell’ennesimo impianto di produzione energetica ad alimentazione solare. «Forse non tutti sanno – si legge nella nota – che è in fase di procedura di valutazione ambientale la richiesta di realizzazione di un impianto a energia solare di notevoli dimensioni nell’area del Comune di Bolotana. La struttura dovrebbe sorgere, guarda caso, all’interno della Zps (zona di protezione speciale) dell’altopiano di Abbasanta, limitrofa all’area industriale». Una zona, questa, dove, spesso, i limiti imposti dalla protezione speciale riguardante, in particolare, la presenza della gallina prataiola, hanno impedito la costruzione di strutture non solo industriali, ma anche agricole e produttive.

«A questo punto – sottolinea la capogruppo della minoranza – mi sorgono spontanee alcune domande alle quali occorre dare risposta in un incontro pubblico che chiedo ufficialmente alla sindaca di Bolotana di convocare al più presto: quante volte gli operatori agricoli avrebbero voluto effettuare lavori di miglioramento aziendale e non hanno ottenuto le autorizzazioni necessarie perché le loro aziende ricadono sulla Zps? Quali benefici concreti porterà un impianto di enormi dimensioni sul risparmio energetico delle comunità? Quali benefici occupazionali e socio economici porterà quest’opera nell’arco dei prossimi anni? Quali saranno le ricadute economiche su tutti gli enti locali che fanno parte della Zps? Si può parlare ancora di sviluppo industriale?». Domande incalzanti alle quali Antonella Pisanu chiede risposte dai sindaci della zona e, in particolare, dalla sindaca di Bolotana, Annalisa Motzo. «Nei giorni scorsi – fa sapere la capo gruppo – ho inviato una lettera ai sindaci del territorio per sottolineare la necessità di portare in maniera chiara all’attenzione delle comunità quanto sta accadendo nella media valle del Tirso sul fronte del proliferare degli impianti fotovoltaici. Su questo argomento – conclude Antonella Pisanu – sollecito un confronto con tutti gli amministratori del territorio e chiedo alla sindaca di Bolotana di farsi interprete di questa esigenza».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

WsStaticBoxes WsStaticBoxes