“Cinefuori” nelle piazze per incontrare i giovani

L’assessora Fausta Moroni: «Evento itinerante pensato per gli adolescenti» Gli operatori comunali di strada: «Dobbiamo essere vicini ai ragazzi»

NUORO. Prenderà il via domani la seconda edizione della rassegna cinematografica Cinefuori. L’evento, promosso dall’assessorato comunale al Benessere delle persone e della comunità, terminerà il prossimo 19 agosto e prevede la proiezione di 5 pellicole che affrontano tematiche sociali di stretta attualità che caratterizzano il percorso esistenziale degli adolescenti e dei giovani adulti. Quest’anno la rassegna è stata organizzata con il sostegno dei volontari del Servizio civile universale e ragazzi dell’Operatività di strada che sono stati coinvolti nella scelta degli argomenti e si occuperanno della presentazione delle pellicole che verranno proposte e di moderare l’eventuale dibattito che ne dovesse scaturire. «Un’altra importante novità rispetto alla scorsa edizione – ha spiegato l’assessora Fausta Moroni – è che la rassegna sarà itinerante. La sede di apertura e chiusura sarà Villa Melis, mentre per le serate intermedie abbiamo scelto di portarlo in quelli che oggi sono alcuni dei luoghi di aggregazione dei giovani nuoresi, come la scalinata dell’Exmè, il campetto di viale Costituzione di fronte alle scuole elementari e lo spazio esterno del Centro polifunzionale di via Roma». Si inizia domani a Villa Melis con il film “Crazy” di Jean-Marc Vallée; il 29 luglio, scalinate Exmè, sarà proiettato “Zeta: una storia Hip hop” di Cosimo Alemà; il 4 agosto, viale Costituzione,“L’agnello” di Mario Piredda; il 12 agosto, Centro polifunzionale di via Roma, “A testa alta” di Emmanuelle Bercot. Chiusura il 19 agosto a Villa Melis con il film “Diaz: don’t clean up this blood” di Daniele Vicari. «Il calendario itinerante – hanno spiegato gli operatori di strada del Comune, Pietro Era e Gian Luca Beccu – è stato pensato perché vogliamo e dobbiamo essere presenti là dove i giovani vivono, si incontrano, agiscono se si vuole realmente capire quali siano i loro desideri, i bisogni espressi e non. Deve essere un momento di incontro intergenerazionale capace di promuovere un dibattito costante e produttivo fra mondi a volte troppo distanti ma in realtà vicini fra loro». Circa le tematiche proposte, si è tenuto conto di quelle che stanno più di altre stanno animando il dibattito attuale. L’ingresso è gratuito. L’accoglienza del pubblico sarà alle 20:30, le proiezioni inizieranno alle 21. In osservanza delle attuali prescrizioni anti-Covid l’ingresso potrà essere garantito a un numero massimo di 50 persone.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

WsStaticBoxes WsStaticBoxes