Pontile vietato a Cala Luna arriva il no del Demanio

Il Comune di Dorgali aveva chiesto l’autorizzazione al ripristino della banchina La proposta non è stata accolta: i barconi con i turisti useranno i corridoi di lancio

DORGALI. È ufficiale: il pontile sulla spiaggia di Cala Luna non sarà ripristinato in tempi utili per essere utilizzato come scalo entro questa stagione estiva. «Il Demanio ci ha negato l'anticipata occupazione», commenta amaramente la sindaca di Dorgali, Itria Fancello .La secchiata di acqua gelata è arrivata due giorni fa sulle spalle dei tantissimi operatori del settore trasporti marittimi di tutto il Golfo di Orosei. Armatori, specie quelli di Cala Gonone che, nei giorni scorsi in cui il vento l'ha fatta da padrone, con il pontile messo in sicurezza avrebbero potuto viaggiare, è invece hanno lasciato i loro traghetti ormeggiati nel porto o all'ancora. Un danno economico non da poco, ma si sperava che tutto si potesse risolvere nel più breve tempo possibile. Proprio come aveva assicurato all'inizio della stagione l'Assessore Regionale agli Enti Locali e Finanze Quirico Sanna.

Invece niente da fare. Il pontile resterà interdetto all'attracco delle imbarcazioni, insomma, inutilizzabile in quanto non si potrà intervenire per la messa in sicurezza. Il motivo è che al Comune di Dorgali il Demanio Regionale non ha concesso l'anticipata occupazione della struttura per i lavori necessari per il ripristino. Insomma, tutto come lo scorso anno sull'arenile tra i più famosi delle coste Italiane si potrà accedere da terra o dal corridoio di lancio delimitato dalle boe. L'unica soluzione trovata da quando una forte mareggiata, tre anni fa, lo aveva reso inagibile. Il tutto per la gioia, si fa per dire, dei proprietari delle imbarcazioni che ogni volta che si avvicinano alla spiaggia rischiano il danneggiamento delle chiglie e delle eliche.

Nella infinita diatriba tra i comuni di Dorgali e Baunei, non solo sulla gestione del pontile, la sindaca di Dorgali Itria Fancello rispondendo alle pressioni degli operatori locali,aveva avanzato la proposta alla Regione per poter fare i lavori di ripristino, e quindi addossarsi tutte le spese. Era già stato fatto un preventivo. «I lavori li farà il Comune di Dorgali», aveva detto l'assessore Sanna. Invece martedi, sulla scrivania di Itria Fancello, a firma del direttore del Servizio del demanio patrimonio e autonomie locali di Nuoro e Oristano, Maria Gesuina Demurtas è arrivata la comunicazione che ha gelato le speranze: «Alla luce delle considerazioni esposte, pur condividendo le preoccupazioni del Comune di Dorgali e riconoscendo i disagi creati dall’utilizzo del corridoio di lancio, lo scrivente ritiene di non poter accogliere l’ istanza in argomento».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

WsStaticBoxes WsStaticBoxes