nuoro
cronaca

Parte il censimento danni lasciati dalle cavallette

Ottana. Il sindaco invita le aziende a presentare le segnalazioni entro agosto L’invasione degli insetti nella valle del Tirso ha colpito almeno 2.500 ettari


15 agosto 2021 di Federico Sedda


OTTANA. Gli allevatori e gli agricoltori che hanno allevamenti e colture nel territorio di Ottana hanno tempo fino al primo settembre 2021 per segnalare all’agenzia Laore la presenza delle cavallette nelle loro aziende. Lo ricorda il sindaco, Franco Saba, che invita coloro che ancora non lo abbiano fatto a dare corso alla segnalazione entro i prossimi 15 giorni. Il termine, ricorda ancora il primo cittadino, è improrogabile proprio per consentire di mettere in atto la procedura di risarcimento nel più breve tempo possibile. L’apposito modulo predisposto per segnalare i danni provocati alle colture foraggere e ai prodotti orticoli dall’invasione dei voracissimi insetti va inoltrato agli uffici comunali. Il modulo per segnalare i danni subìti è scaricabile dal sito istituzionale del Comune. La richiesta a Laore va, invece, inoltrata al seguente indirizzo mail: protocollo @comune.ottana.nu.it. Il tutto in vista della richiesta di ottenere dalla Regione, anche per il territorio di Ottana, la proclamazione dello stato di emergenza che darebbe luogo a interventi concreti verso gli operatori danneggiati.

L’invasione delle cavallette, la terza consecutiva in tre anni, ha interessato la pianura della media valle del Tirso e, in particolare, le campagne ai confini tra i territori di Bolotana, Ottana, Sedilo, Noragugume, Orani, Orotelli e Illorai. Il fenomeno, stando alla denuncia fatta da Coldiretti Nuoro-Ogliastra, ha colpito circa duemila e 500 ettari di terreno divisi tra una trentina di aziende agricole, che, tra maggio e giugno del 2021, hanno perso gran parte del pascolo e del foraggio. Quest’anno il fenomeno si è presentato con una virulenza ancora più devastante rispetto allo scorso anno. A denunciare la gravità del problema è stata ancora una volta la Coldiretti che ha chiesto l’intervento della Regione e un sopralluogo degli assessori regionali all’Ambiente a all’Agricoltura per rendersi conto di persona della vastità del fenomeno e dei danni irreparabili che hanno subito le aziende del settore. L’obiettivo, oltre che venire incontro alle difficoltà degli operatori agricoli, è quello di porre in essere interventi efficaci sul terreno per evitare che il fenomeno si ripeta nel prossimo anno visto che, come sostengono gli esperti del settore, è difficile, arrivati a questa fase, intervenire per bloccare l’invasione delle cavallette. L’unico rimedio è la prevenzione. In un recente incontro con i sindaci del territorio, la Provincia, Laore e Coldiretti, la Regione ha promesso interventi immediati per mettere in atto non solo un programma di prevenzione, ma anche risorse per ristorare i danni subiti in tempi brevi. Da qui l’appello del sindaco a ultimare al più presto la segnalazione dei danni.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Sae Sardegna SpA – sede legale Zona industriale Predda Niedda strada 31 , 07100 Sassari, - Capitale sociale Euro 6.000.000 – R.E.A. SS – 213461 – Registro Imprese di Sassari 02328540683 – CF e Partita IVA 02328540683


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.