Il 2022 comincia con 20 milioni in arrivo

Il sindaco Andrea Soddu: «Il ministero dell’Interno ha approvato tutti i nostri progetti sulla rigenerazione urbana»

NUORO. «Non poteva esserci modo migliore per iniziare il nuovo anno». Il sindaco di Nuoro Andrea Soddu è raggiante. Dopo tanti fuochi incrociati e scontri politici (ancora aperti) sui pilastri della città (dal caso UniNuoro al caso Biblioteca Satta, al caso Celebrazioni deleddiane), nel palazzo civico di via Dante arriva finalmente una buona notizia: il Comune di Nuoro ha appena ottenuto un finanziamento di 20 milioni di euro da impiegare in progetti di cosiddetta “Rigenerazione urbana”, tra cui la realizzazione e la ristrutturazione degli edifici di residenza pubblica e la riqualificazione delle strade dei quartieri periferici. «Grazie a questo cospicuo finanziamento – spiega subito Soddu – potremo realizzare quegli importantissimi interventi che abbiamo promesso quando ci siamo presentati agli elettori, che hanno creduto in noi dandoci la loro fiducia. Interventi che cambieranno il volto della città e miglioreranno la qualità della vita operando sul tessuto sociale, il decoro urbano e quello ambientale».

I 20 milioni di euro sono stati stanziati dal Dpcm del gennaio 2021 (a capo del Governo c’era ancora Giuseppe Conte) che prevede l’assegnazione di contributi ai Comuni «per investimenti in progetti di rigenerazione urbana volti alla riduzione di fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale». L’ufficialità è arrivata lo scorso 31 dicembre con la pubblicazione da parte del ministero dell’Interno (guidato da Luciana Lamorgese), di concerto con i ministeri dell’Economia (Daniele Franco) e delle Infrastrutture (Enrico Giovannini), della graduatoria delle opere ammesse ad accedere ai contributi stanziati dal Governo (dal febbraio 2021 retto da Mario Draghi). Come previsto dal bando, Nuoro, in qualità di capoluogo di provincia, poteva presentare progetti finanziabili per un massimo di 20 milioni di euro. Considerati i tempi stretti entro i quali i progetti dovevano essere presentati, l’amministrazione – fa sapere il sindaco Soddu – ha costituito un gruppo tecnico ad hoc composto da dieci dipendenti dell’ente che li hanno elaborati al di fuori dell’orario di lavoro, con il risultato che tutti gli interventi sono stati ammessi. Nello specifico, le opere ritenute meritevoli di finanziamento e i relativi importi assegnati sono: realizzazione degli alloggi Erp (edilizia residenziale pubblica) di Monte Gurtei per un totale di 7 milioni di euro; ristrutturazione degli alloggi Erp di Sa ‘e Sulis, 3° e 4° lotto con annesse urbanizzazioni (5.250.000 euro); riqualificazione delle strade di collegamento con i quartieri periferici (2.350.000 euro); completamento della Scuola di ceramica con annessa Officina municipale (1.600.000 euro); realizzazione del 2° lotto del laboratorio di quartiere in via Tolmino (1.500.000 euro); intervento di valorizzazione e fruizione sostenibile delle infrastrutture secondarie di collegamento tra il quartiere di Monte Gurtei e il nodo di via Sardegna (1.000.000 euro); realizzazione dello Spin, Spazio polifunzionale intergenerazionale nuorese (250.000 euro); completamento del campo da calcio di Sa ‘e Sulis (250.000 euro); riqualificazione del parco urbano di via Olbia (200.000 euro); realizzazione dell’Officina municipale nell’ex sede della biblioteca Satta di viale Repubblica (200.000 euro); riqualificazione area verde presso la scuola di Monte Gurtei (200.000 euro); creazione delle Officine municipali nell’ex sede del centro per l’impiego di via Ballero e nella Casa Satta (100.000 euro ognuna).

©RIPRODUZIONE RISERVATA

WsStaticBoxes WsStaticBoxes