Siniscola, l’odissea di un utente di Abbanoa: da 14 mesi senza acqua

Un cantiere Abbanoa

Nonostante continui a pagare le bollette regolarmente

SINISCOLA. Da 14 mesi, dai rubinetti di casa sua non scorre un filo d’acqua, nonostante continui a pagare le bollette regolarmente. Dopo decine di solleciti ad Abbanoa, caduti nel vuoto, Tore Fodde, cittadino di Siniscola, minaccia ora d’intraprendere le vie legali per vedersi riconosciuto un diritto negato. «Il problema riguarda una casa di proprietà nella frazione di La Caletta, al civico 28 di via Nazario Sauro – racconta l’utente –. Nel novembre 2020 mi sono accorto che nell’appartamento che si trova al secondo piano di un condominio di quattro famiglie, non arrivava acqua. Ho chiamato subito Abbanoa e da allora è iniziata l’odissea». Torte Fodde dopo ripetute telefonate al numero verde dell’ente, senza avere mai avuto risposta, ha iniziato a inviare email ad Abbanoa che, a fine luglio è intervenuta mandando un tecnico per un sopralluogo. «L’operatore – continua Fodde – ha rilevato lo schiacciamento del tubo della condotta al centro della strada, proprio poco prima del mio contatore. A novembre, in quella via, erano stati fatti lavori per la posa della fibra ottica, e probabilmente i danni erano stati causati in quel momento. Il tecnico ha inviato la relazione a Cagliari, dicendomi che sarebbe intervenuta una ditta incaricata da Abbanoa per risolvere il problema. Per tutto il mese, però, non ho ricevuto alcuna comunicazione. Ho continuato a inviare email di sollecito, senza esito. Solo il 25 agosto, dopo essermi recato di personale negli uffici di Nuoro, Abbanoa ha mandato un altro tecnico che, a sua volta, ha potuto constatare che l’allaccio che mi era stato fatto non era idoneo. Per mancanza di pressione l’acqua arrivava agli altri utenti ma non nel mio appartamento. Era necessario farne un nuovo collegamento, indipendente. Da allora è ripreso il silenzio – aggiunge il cittadino siniscolese pronto ad adire le vie legali – ma le bollette da pagare sono arrivate in modo costante».

Tore Fodde ha deciso di chiedere l’accesso agli atti e, nel frattempo, ha presentato denuncia alla stazione dei carabinieri. Ha fatto presente ai militari che il suo contatore da mesi continua a segnare la stessa lettura: 193 metri cubi di consumi, segno evidente della mancata erogazione dell’acqua. Nonostante tutto, in questo arco di tempo Tore Fodde ha continuato a pagare le bollette, con voci relative a tutta una serie di servizi (depurazione, fognatura, acquedotto, per citarne alcuni) di cui, però, non ha usufruito. (k.s.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes