La Nuova Sardegna

Nuoro

Animali

Posada, cane ucciso a fucilate e gettato nel fiume

di Sergio Secci

	Il cane ucciso a fucilate e recuperato a Posada
Il cane ucciso a fucilate e recuperato a Posada

La scoperta vicino alla spiaggia di Iscraios, indagini in corso

14 novembre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Posada Ucciso probabilmente con una fucilata per poi buttarlo forse ancora agonizzante nel fiume con una grossa pietra legata al collo. Un cane di sesso maschile e di grossa taglia è stato ritrovato oggi nelle acque del fiume all’altezza del ponte in legno che porta alla spiaggia di Iscraios. A fare la macabra scoperta è stata una donna che ha notato il corpo del povero animale sott’acqua legato con un cavetto ad una grossa pietra. Dopo una telefonata al sindaco del paese Salvatore Ruiu, sul posto sono arrivati gli operai del Comune che con tante difficoltò, sono riusciti a riportare a terra il corpo del povero animale. Dopo aver accertato che le cause della morte non erano di origine naturale, sul posto sono intervenuti gli agenti della stazione forestale di Siniscola e due veterinarie della Asl, da un primo esame eseguito dalle due dottoresse, è stata riscontrata una profonda ferita al capo causata forse da un colpo d’arma da fuoco e i segni lasciati sul collo dal cappio che lo teneva sul fondale. Per accertarne le esatte cause della morte, la carcassa dell’animale è stata inviata all’istituto zooprofilattico di Nuoro e non appena si avrà la certezza della causa della morte, i forestali invieranno una segnalazione in procura. La notizia del fatto si è diffusa subito in paese ed ha destato l’ovvio sgomento di tutti e un unanime condanna contro un gesto efferato e gratuito. Il cane come hanno immediatamente accertato le due veterinarie, non aveva microchip e quindi non è stato possibile risalire al proprietario, tra le ipotesi quelle che possa aver infastidito qualche animale al pascolo e sia stato quindi ucciso per questo motivo. Si vagliano comunque anche altre ipotesi.

In Primo Piano
Sardegna

Europeade, a Nuoro la rivolta degli spagnoli: "Alloggi sporchi e inospitali"

Sanità

Cagliari, l’ospedale Brotzu riapre dopo il black out

Le nostre iniziative