La Nuova Sardegna

Nuoro

I verde azzurri

Sua Eccellenza la Nuorese. «Orgoglio della nostra città»

di Alessandro Mele

	I tifosi della Nuorese in massa all'ultima trasferta
I tifosi della Nuorese in massa all'ultima trasferta

Festa grande. Da Alessandra Todde a Piero Pretti, dal sindaco Soddu al vescovo Mura

13 maggio 2024
4 MINUTI DI LETTURA





NUORO Un solo anno di purgatorio ed è subito paradiso, la Nuorese è tornata in Eccellenza, nell’elite del calcio sardo. In città è scoppiata la festa, dopo una stagione da testa a testa con la corazzata Alghero, con centinaia di nuoresi che hanno accolto i ragazzi di mister Prastaro, di ritorno dalla vittoriosa trasferta di Sassari che ha sancito il primo posto nel campionato di Promozione. Fumogeni, cori da stadio e bandiere a tinte verdi azzurre, hanno accompagnato la squadra fino allo stadio Quadrivio, per una festa che la città aspettava da un anno intero e che è durata tutta la notte.

La Nuorese così ha avuto il merito di unire le generazioni con l’arma dell’entusiasmo, portandosi tra la gente in una lunga notte che, guardando al futuro, vuole essere solo la prima di una lunga serie per i prossimi anni. Il sogno della città, è chiaro, è quello di rivedere il verde azzurro tra i Professionisti il più presto possibile.

La prima tifosa, porta Nuoro nel suo personale dna. La presidente della Regione Alessandra Todde è qui, nella sua città natale, che ha iniziato la sua avventura politica anche nell’ultima tornata di elezioni regionali. La Nuorese, dunque, è anche la sua squadra del cuore. «Da Nuorese non posso sottrarmi dall’esprimere – ha commentato la governatrice Alessandra Todde, poche ore dopo la promozione in Eccellenza dei verde azzurri – le mie più vive congratulazioni alla squadra della mia città per il ritorno nella massima serie regionale. Lo fa dopo aver disputato un ottimo campionato, i miei complimenti vanno a tutti e a tutte, a chi ha lavorato per ottenere questo importante risultato sportivo per la città».

Dal mondo della politica, non potevano mancare gli apprezzamenti del sindaco Andrea Soddu. Anche per lui la domenica sportiva della squadra della sua città, è stata motivo di una forte emozione. «Faccio i miei complimenti alla Nuorese per la promozione in Eccellenza – ha affermato il primo cittadino –. Questo traguardo è il frutto di un impegno straordinario, dimostrato con passione e dedizione da ogni componente della squadra, dalla dirigenza fino ai valorosi ragazzi in campo». Il pensiero del sindaco va poi al lavoro fatto da chi si è preso carico della squadra alla fine della scorsa estate. La carica dei 101, guidata dal presidente Gianni Pittorra. «Un applauso speciale va al presidente e all’intero staff – ha concluso Andrea Soddu – che, con sacrificio e determinazione, hanno reso possibile questo risultato. I colori della nostra città sono stati portati in alto con grande spirito di squadra. Grazie a tutti e ad maiora».

La Nuorese quest’anno ha certamente potuto contare anche su aiuti “dall’alto”. Non si parla di illeciti sportivi naturalmente, ma della passione per la squadra della città di un altro tifoso speciale, il vescovo di Nuoro e Lanusei, monsignor Antonello Mura. «Ho incontrato la squadra e la dirigenza all’inizio di questa stagione sportiva – racconta il presule – e adesso che i giochi son fatti, sono contento di poter fare i più sinceri complimenti a tutto il gruppo. In queste ore chiamerò il presidente Gianni Pittorra per congratularmi con lui personalmente». E prosegue: «Sono contento, perché anche quando arrivai a Lanusei la squadra vinse il campionato di Promozione e poi arrivò addirittura il serie D, adesso a Nuoro si è verificata la stessa circostanza. All’inizio della prossima stagione – conclude monsignor Antonello Mura – incontrerò nuovamente i verde azzurri mentre svolgono la preparazione atletica».

Per la Nuorese però, la gioia per il salto in Eccellenza non arriva solo dal mondo delle istituzioni a tutti i livelli, ma colpisce anche il panorama culturale. A fare gli auguri ai verde azzurri è anche la voce lirica di Nuoro nel mondo. Piero Pretti che dai palchi prestigiosi del Metropolitan di New York e della Scala di Milano, guarda sempre con interesse alle vicende della sua città. «Questi colori – afferma il tenore –, mi riportano alla mia infanzia, quando mio padre mi portava in curva a vedere le partite della Nuorese. Un’immagine bellissima che non posso dimenticare. Faccio i miei più sinceri auguri ai verde azzurri per la prossima stagione e mi congratulo per il risultato sportivo ottenuto sul campo quest’anno. Forza Nuorese».

Esulta anche il frontman degli Istentales, Gigi Sanna: «Un grande momento per Nuoro tra le tante difficoltà che sta attraversando – ha detto –. Importantissimo il salto di categoria, anche noi siamo sempre pronti a metterci a disposizione della Nuorese qualora ce ne fosse bisogno».

Il primo posto mette tutti d’accordo: «I dirigenti vanno e vengono ma la squadra resta della città e dei tifosi – ha detto l’ex dirigente verde azzurro Gianfranco Moro –. La Nuorese è di tutti ed io non posso che essere felice per questi ragazzi».

In Primo Piano
Emergenza

Siccità, nuove restrizioni. Ambrogio Guiso: «Un massacro per le campagne»

di Salvatore Santoni
Le nostre iniziative