La Nuova Sardegna

Olbia

Bloccato un carico di cozze alla diossina

di Guido Piga
Bloccato un carico di cozze alla diossina

Arrivava da Taranto, decisivo l’intervento della Asl pugliese e dei Nas di Sassari: i mitili non sono mai entrati in commercio

01 giugno 2012
2 MINUTI DI LETTURA





OLBIA. La premessa è fondamentale: i consumatori di cozze non hanno corso alcun rischio, quei mitili infetti non sono mai entrati in commercio. Merito del tempestivo ed efficace intervento della Asl di Taranto, del servizio veterinario di quella di Olbia e dei Nas di Sassari. Perché dalla Puglia, ai primi di maggio, è arrivato un carico di novellame, destinato a un produttore di Olbia, sospettato di essere tossico. In particolare, di essere impregnato di diossina. Le frenetiche comunicazioni fra le autorità hanno scongiurato il peggio: quella partita, che ha fatto crescere un grosso quantitativo di cozze nel golfo cittadino, è stata bloccata. E ora i Nas di Taranto, che stanno indagando sull’esportatore, hanno chiesto che venga riportato lì dov’era stato preso: in un’area, quella del mar Piccolo, da un anno inibita alla produzione di cozze.

Un giallo, insomma. Solo ieri, a distanza di giorni, è stato possibile avere la conferma dei Nas su una voce che girava in città con sempre più insistenza. Quella secondo cui a Olbia, proprio nel mese dedicato alle cozze, c’era una partita di molluschi alla diossina.

Ecco come sono andate le cose. A Taranto un vasto tratto di mare è sotto tutela. Dal luglio 2011 non è possibile allevare cozze per via della presenza di diossina. Da lì, il 3 maggio, è invece stata inviata a Olbia una grossa confezione di novellame, i semi delle cozze. La Asl tarantina ha scoperto il traffico e ha inviato una comunicazione urgente alla Asl di Olbia. Il servizio veterinario non ha perso tempo e ha avvisato i Nas di Sassari e l’assessorato regionale alla Sanità.

Il blitz è stato immediato. I carabinieri del nucleo antisofisticazioni sono piombati nel golfo di Olbia, in particolare da un produttore di cui gli investigatori non hanno voluto fare il nome, e hanno congelato l’allevamento.

Sono scattate tutte le procedure del caso. I Nas di Taranto si sono messi a indagare su chi abbia venduto quella partita. La Asl taratina, su alcuni campioni, ha fatto le analisi. Sembrerebbe che non ci sia nulla di anomalo. Ma quelle cozze dovranno lasciare Olbia ed essere riportate in Puglia.

La prevenzione ha dunque funzionato, escludendo rischi per i consumatori. Ma l’allarme è alto: la Asl di Olbia vuole capire se ci sono stati casi simili. Tanto è vero che il direttore generale, Giovanni Antonio Fadda, avrebbe addirittura deciso di seguire in prima persona tutti gli sviluppi della vicenda.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Elezioni regionali 2024
DIRETTA

I risultati delle elezioni in Sardegna, dati parziali: nuovo sorpasso di Paolo Truzzu su Alessandra Todde – DIRETTA

Le nostre iniziative