Polizia, arrivano i rinforzi ma «a mezzo servizio»

La Consap: «I 18 uomini in più opereranno (per contratto) di giorno e di sera E da lunedì la città sarà sempre scoperta dalla mezzanotte alle 7 del mattino»

OLBIA. Arrivano i rinforzi estivi, al commissariato di Olbia. Diciotto poliziotti in più, da lunedì 8 luglio, a cui se ne aggiungono altri sette da destinare a Porto Cervo.

Ma c’è subito un problema. E a sollevarlo, con grande preoccupazione, è la Consap, la confederazione sindacale autonoma di polizia rappresentata a livello provinciale da Massimiliano Pala. «Gli aggregati che stanno per sbarcare in città - spiega Pala - fanno parte del reparto prevenzione crimine di Abbasanta e, per contratto (quindi non certo per colpa loro), possono lavorare soltanto di giorno e di sera. E di notte? Zero assoluto. Non ci sarà nessun uomo in più in giro per la città e nel suo territorio. Questo vuol dire che anche in un periodo in cui la popolazione aumenta e il bisogno di sicurezza cresce, di notte continuerà a esserci, come accade d’inverno, soltanto una volante per strada. E qui c’è un’altra precisazione da fare: se uno dei due agenti in turno nella volante dovesse assentarsi per qualunque ragione, il servizio salterebbe del tutto».

Pala ha scritto una lettera al questore, con la quale sollecita un ulteriore intervento per inviare anche a Olbia una «congruo numero di uomini provenienti dal Dipartimento e dagli Istituti d’Istruzione che possano lavorare anche di notte. Esattamente come è accaduto per Porto Cervo: lì, i poliziotti che arriveranno, non avranno limiti notturni. Ma i cittadini di Olbia e del circondario sono forse considerati di serie B? Tra l’altro, per il commissariato di via Copenaghen, avere a disposizione 18 uomini in più che provengono dal reparto di prevenzione crimine equivale a un aggravio di lavoro per la centrale operativa. Si tratta infatti di poliziotti paragonabili, in senso assolutamente positivo, ad autentiche “macchine da guerra”».

Da lunedì 8 luglio, dunque, il numero dei poliziotti aumenterà, ma dalla mezzanotte alle 7 del mattino ( e anche nelle giornate festive e prefestive)la città rimarrà scoperta di agenti.

Nel contestare il piano dei rinforzi estivi 2013, Pala ribadisce dunque che «la presenza del solo personale proveniente dal reparto prevenzione crimine di Abbasanta, mal si concilia con quelle che sono le reali esigenze operative del nostro presidio. Un aspetto, questo, di fondamentale importanza - conclude il segretario provinciale della Consap - dato che i numerosi reati perpetrati negli ultimi anni in questo capoluogo di Provincia, sono accaduti nella maggior parte dei casi di notte (attentati dinamitardi e incendiari, per esempio), senza dimenticare i fatti di microcriminalità messi a segno non certo di giorno».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

WsStaticBoxes WsStaticBoxes