La Nuova Sardegna

Olbia

Riparte l’avventura di «ForMare»

Riparte l’avventura di «ForMare»

Grazie a un progetto formativo 10 alunni dell’Ipia a bordo di una nave Tirrenia

11 marzo 2014
2 MINUTI DI LETTURA





OLBIA. La scuola è un colosso di acciaio, i professori portano invece la divisa. Il futuro adesso solca il mare della formazione sul campo. Una piccola valigia e tanta voglia di imparare: dieci studenti del professionale Ipia cominciano un nuovo ciclo fatto di esperienza a bordo. Ieri sera sono salpati sul traghetto Tirrenia «Bonaria», dal porto dell’Isola Bianca, per poi sbarcare questa mattina a Civitavecchia. Una partenza che ha inaugurato la seconda edizione del progetto «ForMare», che coinvolgerà in tutto oltre 600 studenti di tutta l’isola, nato da un protocollo d’intesa tra il ministero dell’Istruzione e la compagnia di navigazione. L’obiettivo è semplice: coinvolgere i ragazzi di istituti nautici, professionali e alberghieri in uno stage a bordo di un traghetto, per dare loro l’opportunità di scoprire i segreti di diversi mestieri, da quello di tecnico a quello di ufficiale. «Questo è un progetto che nasce con lo scopo di colmare il gap tra teoria e pratica – spiega la docente Marina Spinetti, referente scolastico dell’iniziativa -. Si parla tanto di lavoro e di investire nella formazione dei ragazzi. Bene, questo è un ottimo esempio». Il progetto è stato presentato ieri pomeriggio a bordo del traghetto «Bonaria». Presente anche il preside dell’istituto Ipia-Amsicora. «Non possiamo che ringraziare Tirrenia, perché per il secondo anno dà l’opportunità ai nostri ragazzi, insieme a tanti altri, di partecipare a un importante progetto formativo – commenta Gianluca Corda -. Posso sicuramente dire che per i ragazzi questa è un’esperienza unica e positiva». Ieri sera sono quindi partiti dieci studenti del corso nautico del professionale Ipia. Nelle prossime settimane ne partiranno altri trenta di altri corsi e molti ancora di numerosi istituti galluresi. Saranno impegnati tutti per quattro giorni: percorreranno infatti due volte la tratta Olbia-Civitavecchia, andata e ritorno. Soddisfatto il capitano della «Bonaria» Antonio Martino, il tutor degli studenti: «Vedranno tutto ciò che c’è da fare a bordo. Non lavoreranno, ma seguiranno il personale in ogni attività». Sulla stessa linea anche Vittoria Mereu, responsabile commerciale Tirrenia: «È un’iniziativa che è anche cresciuta rispetto allo scorso anno. Inoltre abbiamo un portale web aggiornato in cui raccontiamo questa bella esperienza». Presente anche il professore dell’Ipia Massimo Orgiu: «Adesso tocca agli studenti del corso nautico, poi sarà la volta degli altri. Ovviamente ogni studente seguirà l’aspetto relativo al proprio corso». A fine stage la Tirrenia selezionerà due ragazzi per un contratto a tempo determinato. (d.b.)

In Primo Piano
La grande sete

Acqua razionata nell’invaso di Posada, il sindaco di Budoni: «Resteranno a secco molte seconde case e 25 aziende»

Le nostre iniziative