La Nuova Sardegna

Olbia

Fp Cgil: agitazione e sciopero per La Fenice

Il sindacato torna alla carica sulla situazione delle lavoratrici della Rsa, da mesi senza stipendio

25 maggio 2014
2 MINUTI DI LETTURA





OLBIA. Dopo un anno la Fp Cgil torna a premere sulla situazione delle lavoratrici della Rsa La Fenice che in alcuni casi da 11 mesi «non percepiscono lo stipendio e quando viene erogato sono costretti a prendere acconti», spiega la segreteria Luisella Maccioni. Che annuncia stato di agitazione e sciopero per martedì. E racconta: «Qualche settimana alla Rsa abbiamo avuto un incontro con la cooperativa, per discutere di un eventuale stato di crisi da dichiarare. Ci è stata presentata una proposta di piano di rientro che comprende il pagamento delle retribuzione in arretrato con dilazioni delle mensilità in arretrato fino a 10 mesi e con l'incertezza di non poter provvedere al pagamento delle mensilità correnti». Per la Cgil sono «proposte inaccettabili, vista la situazione esistente e non avendo garanzie di rientrare a regime. In quell'incontro inoltre ci è stata presentata la situazione gestionale di tutta la cooperativa la Fenice compresa la struttura di Bolotana comunità alloggio, la struttura Tavolara comunità integrata di Olbia e quella di Piove di Sacco. La situazione presentata dalla cooperativa la Fenice ci è parsa da subito molto critica, avendo rilevato, e come sapevamo, che i debiti nei confronti delle lavoratrici ammontano a molte mensilità». Sottolineando che «lo stato in cui viaggia la cooperativa a parere nostro potrebbe mettere in discussione anche i posti di lavoro», a tutela anche degli importanti servizi oltre che dei posti di lavoro, «abbiamo indetto uno stato di agitazione, un incontro col prefetto e lo sciopero per il 30 maggio». Si chiede un intervento di Comune e Regione, chiedendo conto all’Asl delle modalità di gestione degli appalti di aziende e cooperative che operano nel sociale.

In Primo Piano
Il dossier

Top 1000, un’isola che si batte e cresce nonostante tutto

di Giovanni Bua
Le nostre iniziative