La Nuova Sardegna

Olbia

CALANGIANUS

Banda e gruppo folk, mix di entusiasmo ed emozioni

Banda e gruppo folk, mix di entusiasmo ed emozioni

CALANGIANUS. Piazza del Popolo, il salotto del paese, era affollata come da tempo non si vedeva, mercoled14 maggio, per la festa patronale. In tanti sono tornati perché dalle18 erano in programma...

30 maggio 2014
2 MINUTI DI LETTURA





CALANGIANUS. Piazza del Popolo, il salotto del paese, era affollata come da tempo non si vedeva, mercoled14 maggio, per la festa patronale. In tanti sono tornati perché dalle18 erano in programma due importanti manifestazioni con due belle realtà della comunità: i circa 25 elementi della banda Michele Columbano, con i suoi 130 anni di storia, e i venti elementi del gruppo folk Lu Rizzatu Caragnanesu”, da alcuni anni attivo.

A sentire le esecuzioni della banda e ad ammirare i balli tipicamente galluresi del gruppo folk, numerosi concittadini i quali hanno apprezzato che il programma della festa fosse lanciasse un messaggio positivo a un ambiente che, in quanto ad autostima, recentemente lascia a desiderare . Per primi non sono voluti mancare gli appassionati della banda , vecchi bandisti e tante persone che, attraverso le note dei brani musicali, si rituffavano nei tempi eroici, quando la Columbano era una delle poche bande esistenti in Sardegna e tanti giovani, dopo le giornate di lavoro, trovavano il tempo per esercitarsi agli ordini del mitico ziu Micheli.

Oggi il direttore Giovanni Scano non presenta solo i tipici pezzi bandistici ma un repertorio più ricco con arrangiamenti di brani di musica leggera. Al gruppo folk, guidato da Giovanna Maria Corda, sono andati i complimenti della numerosa folla per la bella corografia delle esibizioni. I ballerini si mostrano più padroni dei movimenti , le figure che presentano meritano convinti applausi per il livello qualitativo che si è raggiunto.

Una realtà sorta da alcuni anni, composta da giovani dinamici e appassionati e che va avanti, con umiltà e decisione, per la sua strada. (p.z.)

In Primo Piano
Il dossier

Top 1000, un’isola che si batte e cresce nonostante tutto

di Giovanni Bua
Le nostre iniziative