La Nuova Sardegna

Olbia

Rinagghju dato alla parrocchia

Rinagghju dato alla parrocchia

La giunta ha deliberato l’affidamento del compendio alla chiesa del Sacro Cuore

30 maggio 2014
2 MINUTI DI LETTURA





TEMPIO. La concessione del Compendio di Rinagghju alla parrocchia del Sacro Cuore che aveva presentato a suo tempo apposita richiesta e della quale si parlava già da oltre un anno, ha contraddistinto la riunione di giunta svoltasi ieri in tarda mattinata.

Alla riunione non hanno partecipato gli assessori Antonio Addis (Urbanistica, ambiente e parchi), assente da tempo per un infortunio che lo tiene lontano dalla attività amministrativa, e Mario Addis(Bilancio e commercio), assente, forse, per altri impegni.

La concessione di Rinagghju, sulla quale contiamo ovviamente di tornare con più ampi dettagli, commenti e interviste, è stata deliberata dalla giunta comunale con l’atto numero 87.

Immediatamente trapelata all’esterno, la delibera già dal primo pomeriggio era oggetto di vari commenti. L’esecutivo nella stessa seduta ha deliberato anche l’assunzione di un direttore organizzativo in vista della gara di appalto per la gestione del Teatro del Carmine, ha approvato il primo stralcio esecutivo di un progetto per la realizzazione di un orto botanico in località San Francesco e ha deliberato anche un primo stralcio esecutivo del progetto per la riqualificazione del Parco Grandi.

Un parco inaugurato quattro anni fa, allo stato brado e ancora oggi in totale degrado ed oggetto di critiche da parte dei cittadini.

Le altre delibere assunte nel corso della lunga riunione hanno riguardato, infine, l’approvazione di alcuni interventi di carattere ambientale nel sito del Monte di Pulchiana, la pulizia di aree comunali in vista dell’ornai imminente avvio della campagna antincendi e l’organizzazione di una serata musicale per ricordare il tenore tempiese Bernardo Demuro. (a.m.)

In Primo Piano

Video

Olbia, la città saluta Gabriele Pattitoni: in migliaia al funerale del 17enne morto dopo un incidente

L’emergenza

Ortopedie chiuse: tutti i pazienti si riversano nei pronto soccorso di Sassari e Cagliari

di Luigi Soriga
Le nostre iniziative