Fuoco tra Luras e Luogosanto: case evacuate, trovati gli inneschi. Bruciano 300 ettari

Il fuoco ha devastato decine di ettari tra Luras e Luogosanto

Il grosso incendio  è partito dalla Tempio-Palau e ha  incenerito campagne e colline: sul posto 5 canadair, 3 elicotteri e centinaia di uomini a terra

URAS. Un grossissimo incendio è divampato nel primo pomeriggio del 18 agosto nelle campagne tra Luras e Luogosanto. Il fuoco, partito probabilmente vicino alla statale 133 (la Tempio-Palau) si è ben presto allargato ed è scattato l’allarme: sul posto 5 canadair, due dei quali arrivati da Ciampino, 3 elicotteri, uomini della forestale, i vigili del fuoco e la protezione civile. Gli investigatori dell'ispettorato forestale, guidato da Giancarlo Muntoni, hanno trovato diversi inneschi. Le zone più colpite: Padulo, Lo sfossato e Monte Maiore. Sono intervenute anche diverse squadre dell'Enel per slacciare la corrente e controllare gli impianti. Impegnati anche i carabinieri, la polizia di Stato e la polizia municipale. Evacuate alcune case dell'agro.  

Decine e decine di uomini impegnati anche a terra

 Le fiamme hanno bruciato completamente una collina, dalla parte di Luras, e si sono poi spinte verso Luogosanto. Circa trecento glii ettari andati in fumo. L'opera di spegnimento è andata avanti per ore. Oltre agli uomini antincendio, hanno dato una mano anche numerosissimi volontari.

Le operazioni di spegnimento sono andate avanti per ore

Altri  incendi di origine dolosa, ma spenti prontamente, si sono registrati alla periferia di Tempio e vicino Luras. Nella bassa Gallura, invece, fiamme (nulla di grave, però) anche  Santa Teresa e ad Arzachena, sempre vicino alla stazione ferroviaria: nello stesso punto in cui, una decina di giorni fa, si era sviluppato un altro rogo. In quel caso erano state evacuate anche alcune abitazioni. Un altro incendio, in serata, si è verificato anche a Porto Istana, pochi chilometri a sud di Olbia.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes