Costa Paradiso, nuovo atto incontro con i consorziati

Il sindaco di Trinità convoca in Comune le diverse anime del mega villaggio L’obiettivo è trovare l’unità in vista delle elezioni del consiglio di amministrazione

COSTA PARADISO. A breve, ci saranno le elezioni del consiglio di amministrazione del comprensorio di Costa Paradiso. Per questo motivo scende in campo il sindaco di Trinità d'Agultu e Vignola, Giampiero Carta, per cercare di far arrivare i consorziati un po' uniti all'importante appuntamento per il futuro di Costa Paradiso.

Il primo cittadino ha fissato per domani mattina alle 11, nella sala giunta del Comune di Trinità d'Agultu e Vignola, un incontro con le diverse anime del mega condominio. «E' opportuno, in questi casi - spiega il sindaco Giampiero Carta - creare occasioni di confronto finalizzate a creare soluzioni condivise che tengano conto degli interessi complessivi e generali del comprensorio, nell'ottica di una strategia di tutela, di valorizzazione e di sviluppo sostenibile del bene comune. Costa Paradiso è importantissimo per il nostro territorio comunale (ma non solo). Per tali motivi, l'amministrazione comunale che mi onoro di guidare si vuole fare promotrice di un tavolo di confronto per creare unità e non scissioni tra i consorziati di Costa Paradiso. Si tratterà, dunque, di un incontro propedeutico all'assemblea che eleggerà il nuovo direttivo di Costa Paradiso: unità deve essere la parola chiave che tutti ci auspichiamo emerga dall'incontro. Siamo qui per lavorare per il futuro del nostro amato e preziosissimo territorio. Dobbiamo farlo e dobbiamo farci garanti di unità».

Il primo cittadino di Trinità d'Agultu e Vignola, di cui Costa Paradiso è un importante fiore all'occhiello, inoltre, annuncia dei nuovi contatti con la Abbanoa Spa.

«In questi giorni, manderemo una pec (email di posta certificata) al gestore delle acque sarde - spiega Giampiero Carta - obbligandolo ad acquisire la rete idrica e l'acquedotto di Costa Paradiso, considerato che è tutto a posto e tutto collaudato. In questo modo, Abbanoa avrebbe la gestione diretta di ogni singolo contatore. Non solo: può intervenire direttamente sui morosi e procedere come di dovere. Così, chi ha sempre pagato l'acqua non avrà disagi per colpa di chi non lo ha fatto per diverso tempo. Non è giusto che per colpa di pochi ci debbano rimettere in molti. Questa mi sembra una soluzione importante per il comprensorio di Costa Paradiso».

Il sindaco di Trinità d'Agultu e Vignola, inoltre, in questi giorni, dopo aver mandato la pec ad Abbanoa, incontrerà il suo amministrato unico, Alessandro Ramazzotti.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes