Decolla il piano del Comune per frenare il randagismo

BERCHIDDA. L'amministrazione comunale di Berchidda, guidata dal sindaco Andrea Nieddu, mette mano a un piano di lotta al randagismo. Primo obiettivo è stato ottenere un finanziamento dalla Regione e...

BERCHIDDA. L'amministrazione comunale di Berchidda, guidata dal sindaco Andrea Nieddu, mette mano a un piano di lotta al randagismo. Primo obiettivo è stato ottenere un finanziamento dalla Regione e mettere in campo 10mila euro per la sterilizzazione dei cani di proprietà più 2mila per i gatti. Altro obiettivo è attuare una campagna di sensibilizzazione che consisterà nella presa di responsabilità che comporta essere padrone di un cane. Il problema degli escrementi degli amici a quattro zampe è diffuso in molte realtà. Per questo il Comune intende dislocare nel centro urbano raccoglitori adeguati oltre a quelli generici già presenti e mettere a disposizione inizialmente i sacchetti per la raccolta del rifiuto. «Cerchiamo di fare di tutto per rafforzare il senso civico della comunità e tutelare i cittadini stessi da eventuali rischi per la salute e l'ambiente oltre per che per mantenere il decoro e la pulizia delle strade», dice il primo cittadino, Andrea Nieddu.

Si potrà intervenire sui cani residenti nel proprio territorio e per poter usufruire del contributo i richiedenti dovranno avere un Isee non superiore a 20mila euro e il cane deve essere microchippato. «Sosteniamo ingenti spese per randagismo e abbandono di cani da parte dei padroni - aggiunge Andrea Nieddu - .Nel 2017, il Comune di Berchidda ha registrato spese per canili per 26.431 euro di cui 6.747,25 per l'alimentazione, 10.515,84 gestione farmaci, 9.167,92 spese veterinarie . Sono 23 i cani assistiti nel 2017 con un costo di 1.98 euro al giorno per ogni cane. Perciò puntiamo tutto sulla prevenzione per ridurre costi che sottraggono risorse pubbliche di tutti che si potrebbero destinare ad altri usi». (s.d.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes