Oggi e domani si parla di come valorizzare i beni demaniali

LA MADDALENA. Il patrimonio immobiliare pubblico vanta un milione di unità catastali per un valore di 283 miliardi di euro. Il 77% è riconducibile a fabbricati utilizzati direttamente dalla pubblica...

LA MADDALENA. Il patrimonio immobiliare pubblico vanta un milione di unità catastali per un valore di 283 miliardi di euro. Il 77% è riconducibile a fabbricati utilizzati direttamente dalla pubblica amministrazione e quindi non disponibili nel breve-medio termine per progetti di valorizzazione e dismissione. Il restante 23% è dato in uso, a titolo gratuito o oneroso, a privati, per un valore di 51 miliardi, o risulta non utilizzato o in ristrutturazione. Come poterlo valorizzare? Con la dismissione o mediante partenariato pubblico privato? Di questi temi si parlerà al convegno “Insularità e demanio” che si terrà oggi pomeriggio e domani mattina nella sala consiliare. Tra i partecipanti, oltre al sindaco Luca Montella, organizzatore dell’evento, Giulio Steri, avvocato di Stato; Amedeo Speranza, capo Ufficio legislativo del ministero dell’Ambiente; Patricia Olivo, dirigente della Soprintendenza della Sardegna; Francesco Lombardo, vice procuratore generale della Corte dei conti; Giovanni Zito, direttore Agenzia del demanio della Sardegna. Le conclusioni sono affidate a Elisabetta Spitz, già direttore dell’Agenzia del demanio, oggi amministratore delegato di Invimit Sgr, società partecipata del ministero dell’Economia che ha rilevato, nel primo semestre 2018, oltre un miliardo di euro di immobili pubblici per valorizzarli e, in parte, dismetterli.

La valorizzazione di questo patrimonio è un elemento cardine della strategia economica e di bilancio del Paese. Le dismissioni del patrimonio immobiliare pubblico per gli anni 2019 e 2020 sono stimate, rispettivamente, nella misura di 640 milioni e 600 milioni di euro. Per nformazioni e per accrediti, inviare una mail a: convegnodemanio2018@gmail.com



WsStaticBoxes WsStaticBoxes