Coronavirus, da Sassari a Olbia il 90 per cento dei contagi è fra il personale sanitario

L'ospedale Giovanni Paolo II

I numeri dimostrano che in questa emergenza gli ospedali del nord Sardegna sono un anello debole della catena di controllo e di contenimento del virus

SASSARI. Lavorare in un ospedale del nord Sardegna, in questa prima fase dell’epidemia, è stata una missione ad alto rischio. I numeri lo dicevano già giovedì 19 marzo: su 134 casi di positività registrati tra Sassari e Olbia appena 14 si riferivano a pazienti. Tutti gli altri 120 contagiati erano medici o infermieri o comunque personale di strutture sanitarie. E, ieri 20 marzo, i contagiati tra Sassari e la Gallura in un giorno solo sono stati 82. Gli ospedali si sono dimostrati in questa emergenza un anello debole della catena di controllo e di contenimento del virus.

Il servizio completo sul giornale in edicola e nella versione digitale

WsStaticBoxes

Necrologie

WsStaticBoxes