Modella e venditrice: ha 24 anni la stella dello shopping online

Paola Pudda

Migliaia di follower su Instagram per Paola Pudda di Padru. Dalla passione per la moda al negozio ApprovedNinetysix

PADRU. «Ma stai sempre col cellulare in mano?». Sì, per lavoro. Paola Pudda è l'ideatrice di “ApprovedNinetysix", il numero è quello del suo anno di nascita, è un’imprenditrice giovanissima, e il suo profilo social è il suo negozio. «La gente può entrare solo attraverso le mie stories». Seleziona i capi d’abbigliamento, fa da modella mentre li mostra al suo pubblico virtuale, da consulente a chi le chiede di misure, abbinamenti e dettagli, poi scotch alla mano impacchetta gli acquisti e li spedisce. È una nuova concezione di shopping, è la sua idea completamente self-made.

La passione per la moda. Di Padru, 24 anni, Paola entra nel mondo della moda dall’ingresso dei negozi (quelli fisici): «Ho lavorato a Olbia come commessa. Poi però ho fatto una scelta, ho lasciato quel lavoro per lanciarmi in questa sfida». All’inizio il primo pensiero è di aprire un punto vendita, poi vira verso il web. «Ho seguito corsi specializzati, mi sono messa a studiare. E con il sostegno del mio ragazzo, abbiamo unito le forze e le idee ed è nato questo shop on-line». E non ditele che è un modo per rinunciare al contatto col cliente. «Anzi, è quel che mi è piaciuto di più dalle esperienze da commessa e che continua a esserci anche in questo modo»: con cadenza quotidiana posta sul profilo capi d’abbigliamento vari con foto o video, dopodiché «li descrivo e do assistenza, specie sulle misure».

Shopping 2.0 È una forma di shopping al passo coi tempi. «Sì, all’inizio per farla capire ho dovuto spiegarla bene, anche ora mi capita spesso, ma vedo viene capita subito». E il suo mondo da migliaia di follower è chiuso in pochi metri quadrati a casa sua. «Una stanza è diventata il negozio, un’altra una sorta di magazzino». All’inizio poteva sembrare un progetto rivolto solo alle giovanissime, col tempo si sono rivolte e si rivolgono a Paola Pudda anche donne adulte. Per quanto riguarda la selezione dei capi, «non riesco a vendere qualcosa che non piaccia anche a me – così la ragazza di Padru –. Lo shopping è soggettivo, propongo quello che anche io indosserei e spero possa piacere anche ad altre persone. Prima dell’emergenza, andavo di persona agli ingrossi di Roma, Napoli e Firenze».

Nuova tendenza. Fotocamera del cellulare sempre pronta all'uso, "ApprovedNinetysix" nel giro di tre anni è nato, si è sviluppato e ora fa parte della vita di Paola. Letteralmente: non esistono orari di lavoro fissi, è attiva praticamente sette giorni su sette. Cresce così questa nuova tendenza di giovani imprenditori e imprenditrici che preferiscono dare gambe virtuali ai propri progetti. «E in particolare in questo momento di emergenza può essere un fattore positivo permettere di fare acquisti senza doversi spostare». (p.a.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes