olbia
cronaca

Un giovane musicologo racconta Bob Dylan

“Like a Rolling Stone” è il titolo del libro scritto dallo studioso di italianistica Mario Gerolamo Mossa


13 aprile 2021 di Giuseppe Pulina


TEMPIO. È l’opera di un fine musicologo e di un promettente critico letterario, ma è soprattutto uno dei libri oggi in circolazione che gli appassionati e gli esperti di Bob Dylan dovrebbero assolutamente avere e leggere. Un libro per diversi aspetti unico perché interamente costruito sull’analisi multidisciplinare di una canzone di cui indaga, prosciugandoli e acquisendoli tutti, i molteplici significati. La canzone in questione è “Like a Rolling Stone” e l’autore del saggio dato recentemente alle stampe da Mimesis è il tempiese Mario Gerolamo Mossa, un giovane, brillante studioso di italianistica laureatosi a Pisa che si occupa con grande competenza di poesia contemporanea, popular music, metricologia, filologia e teoria letteraria. L’opera che ha dato alle stampe con Mimesis ha, secondo Alessandro Carrera, curatore della prefazione, un primato particolare, essendo “l’analisi più ampia, minuziosa e ossessiva mai condotta di Like a Rolling Stone in qualsiasi lingua”. Per realizzarla, l’autore ha lavorato su una bibliografia critica sterminata, oltre che su materiali di prima mano come spartiti, annotazioni inedite e registrazioni custoditi dall’archivio Dylan di Tulsa, in Oklahoma. Il libro, dedicato alla memoria del padre Bruno e già segnalato da testate prestigiose come “Rolling stone”, sarà presentato il 16 aprile al Centro Studi Fabrizio De André dell’Università di Siena. È probabile che quando cesserà l’emergenza sanitaria l’autore si conceda un tour di presentazioni a partire magari dalle biblioteche e dai festival letterari e musicali dell’isola. Non va, infatti, dimenticato che Mario Gerolamo Mossa è anche un musicista di talento che con i suoi studi pisani ha combinato più interessi (poesia, letteratura, musica) in una specifica carriera universitaria. Il suo stile è quello del classico, inappuntabile ricercatore che scandaglia ogni elemento a disposizione. Così è stato per l’immensa mole di materiali consultati. Basterebbe solo riflettere sul gran numero di esecuzioni dylaniane di “Like a rolling stone”. Secondo i dati raccolti da Mossa, la canzone ha preso vita in 2079 versioni. Un corpus di esecuzioni a dir poco impressionante con le quali Dylan ha scandito 54 anni di straordinaria carriera. Ma perché “Like a rolling stone” è una canzone che trascende il tempo nel quale è stata concepita? Che cosa la rende speciale? Grazie a Mossa, scopriamo che è un esempio di canzone tridimensionale perché la gestazione risponderebbe a un meccanismo ermeneutico e compositivo definibile come “l’atteggiamento mentale con cui il cantautore concepisce le proprie storie cantate mentre si accinge a elaborarle in uno schema”. Insomma, una canzone che documenta il processo creativo di Dylan in cui musica, parola, testo, cantato e oralità sono un intreccio difficilmente dipanabile. Il libro si cimenta nel difficile (ma ben portato a termine) compito di indagare l’identità di Miss Lonely, la Miss Malinconia che è la protagonista della canzone, nella quale più di un critico si è per così dire divertito nel tentativo di rinvenire una figura reale. Quel che si scopre è la possibile ambivalenza di Miss Lonely e l’illusione di averne finalmente afferrato l’identità. “L’illusione di Miss Lonely – scrive Mossa – è l’illusione di tutti coloro che, privilegiati o meno, sono convinti di avercela fatta e guardano il mondo dall’alto in basso senza rendersi conto che l’America è tanto la nazione del self-made man quanto una spietata one-mistake society”. L’America di ieri e quella, non meno complicata, dei nostri giorni.

Sae Sardegna SpA – sede legale Zona industriale Predda Niedda strada 31 , 07100 Sassari, - Capitale sociale Euro 6.000.000 – R.E.A. SS – 213461 – Registro Imprese di Sassari 02328540683 – CF e Partita IVA 02328540683


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.