Il Comune si aggiudica il palazzo ex Fs

Riprende l’asta davanti al curatore fallimentare, ma non ci sono altri concorrenti

OLBIA. Il Comune di Olbia è sempre più vicino all’acquisto del palazzo delle ex Fs di via Vittorio Veneto. L’ente, rappresentato dall’assessore al Turismo Marco Balata, ieri ha partecipato all’asta per l’aggiudicazione dell’immobile, per il quale ha fatto un rilancio tecnico di 5 mila euro sulla cifra a base d’asta. Non c’erano altri concorrenti. Alla fine la cifra finale proposta dal Comune per l’acquisto dell’ex dormitorio è stata di 511.537 euro. Ora si dovranno aspettare i dieci giorni previsti dalla legge per il via libera definitivo da parte del giudice fallimentare che, in assenza di concorrenti, appare scontato.

Il compendio immobiliare di via Vittorio Veneto, a quel punto, dovrebbe essere coinvolto nel progetto di riqualificazione urbana dei quartieri San Simplicio e Orgosoleddu, per il quale il Comune ha già ricevuto un finanziamento ministeriale di 18 milioni di euro. «Aspettiamo la decisione del giudice – ha spiegato il sindaco Settimo Nizzi – prima di ufficializzare i progetti per riqualificare l’area».

L’asta è ripresa ieri davanti al curatore fallimentare, Alberto Ceresa, dal punto in cui era stato sospeso. Nella precedente seduta di gara, tuttavia, erano presenti due partecipanti: insieme al Comune di Olbia c’era la società romana Ocean asset management. Sempre alla prima asta il Comune si era aggiudicato l’immobile per oltre 500mila euro, ma pochi giorni dopo il giudice fallimentare aveva sospeso la gara e annullato l’aggiudicazione dell’edificio per “gravi motivi”, sottintendendo una possibile ipotesi di turbativa d’asta per le presunte interferenze del sindaco, presente al momento della gara. Contro la sospensione dell’asta e l’annullamento dell’assegnazione, il Comune di Olbia aveva presentato un reclamo, però respinto dal giudice Costanza Teti. A quell’udienza era presente il Comune, ma non l’altra parte interessata all’acquisto dell’immobile, cioè la Ocean asset management srl, che sino all’ultimo aveva conteso al Comune, con ben otto offerte al rialzo, il palazzo da ristrutturare. Assenza confermata anche ieri, che ha evidenziato la volontà della società di rinunciare all’acquisto dell’edificio. (g.d.m.)

WsStaticBoxes

Necrologie

WsStaticBoxes