Un lettore da record e un autista esemplare

Italo Sistu compra “La Nuova” da una vita. Ieri la festa per i 50 anni da assicurato senza incidenti

OLBIA. «Ho cominciato a comprare “La Nuova Sardegna” quando ho avuto i primi spiccioli in tasca. Ero un ragazzino appassionato di calcio e quelle sportive erano le notizie che leggevo di più. Ma il vostro giornale è entrato nella mia casa ancor prima. Mio padre, ogni giorno, faceva 12 chilometri a piedi da “Sa Serra”, frazione di Padru, per arrivare in paese e acquistarne una copia».

Italo Sistu, 71 anni, sposato e padre di due figlie, da molto tempo a Olbia, racconta quei momenti con gioia e commozione. E ricorda anche quando fu tra i finalisti del “Bingo”. «Era il 1985 - dice - e il giornale, a fine concorso, ci invitò a una grande festa in un albergo di Alghero per la premiazione. Arrivai secondo e vinsi un viaggio a Parigi per due persone. Per un soffio persi la Fiat Panda che andava al vincitore».

E proprio l’automobile, nella storia di Italo Sestu, ha un significato importante. Questo lettore speciale, infatti, ha raggiunto un altro record ed è stato per questo festeggiato ancora.

Proprio ieri, quando è andato a pagare la sua polizza auto, ha celebrato i 50 anni da assicurato. «Mezzo secolo in macchina - dice - senza aver mai causato un incidente, senza mai una sospensione della patente e senza aver mai infranto il codice della strada. L’unico rimprovero che posso farmi è quello di avere preso qualche multa, sempre pagata, per divieto di sosta a Nuoro. Non era una città che conoscevo, ci andavo saltuariamente perché lì ci sono parenti di mia moglie, e così è capitato che lasciassi inconsapevolmente la macchina in una zona non consentita». A parte questo, Italo Sestu è un guidatore unico anche per la sua compagnia di assicurazione, la Generali. E la titolare dell’agenzia di via Roma, Enrica Zappalà, lo ribadisce. «Sì è il solo nostro assicurato che in 50 anni non ha mai provocato un incidente. Io l’ho conosciuto nel 1991 ma era già da vent’anni che, senza mai cambiare scadenza, ha sempre pagato regolarmente la sua polizza semestrale: il 19 aprile e il 19 ottobre. Due date a cui si è affezionato, tanto che ha voluto confermarle anche quando ha assicurato la seconda macchina. Ovviamente il suo comportamento esemplare al volante, gli ha consentito di ottenere tutte le premialità previste». Ieri, giorno in cui ha tagliato il traguardo dei 50 anni da assicurato, gli è stata anche regalata una bottiglia di vino. «Brinderò con mia moglie, che mi aspetta a casa».

Italo Sistu ricorda alla perfezione il giorno in cui, nel 1971, si recò nell’allora l’agenzia Lloyd Italico (poi assorbita da Generali). «Si trovava in via Padova, vicino al cinema Astra e in quell’occasione assicurai la mia prima macchina, una “500” che mio padre mi aveva regalato. Era di colore grigio sbiadito ed era vecchia di 10 anni. Ma funzionava bene. Decisi di pagare ogni 6 mesi e stabilirono le due date che ho sempre mantenuto». Oggi, Italo Sistu, ha un suv e ogni giorno, da quando è andato in pensione («ma lo facevo anche quando lavoravo da manutentore all’hotel Don Diego»), va all’edicola di Poltu Quadu e compra “La Nuova”. «Non potrei farne a meno, le mie giornate iniziano sempre sfogliando e leggendo il giornale. E continuerà a essere così».

WsStaticBoxes WsStaticBoxes