Trovato morto il cercatore di funghi disperso

PADRU. Il corpo senza vita di Giancarlo Serra, 69 anni, di Assemini, è stato ritrovato intorno alle 11 di ieri, col volto rivolto verso terra, e a fianco a lui il cestino di funghi. Per tutta la...

PADRU. Il corpo senza vita di Giancarlo Serra, 69 anni, di Assemini, è stato ritrovato intorno alle 11 di ieri, col volto rivolto verso terra, e a fianco a lui il cestino di funghi. Per tutta la notte le ricerche, anche con l’aiuto dei cani e di un drone, nelle campagne di Budò, frazione di Padru. È stato ritrovato a circa un chilometro dall’abitazione degli amici di cui era ospite. Era cardiopatico, ed è probabile che sia stato colto da malore. Di lui si erano perse le tracce dal primo pomeriggio di domenica. Era un appassionato ricercatore di funghi e ogni anno i suoi amici lo invitavano a Padru nel periodo della raccolta. Domenica si era avventurato da solo in campagna fin dal mattino. A dare l’allarme sono stati proprio gli amici preoccupati perché tardava a rientrare a casa e non rispondeva al cellulare. Le ricerche cominciate nel pomeriggio sono proseguite per tutta la notte. Una massiccia mobilitazione messa in campo dai vigili del fuoco con i carabinieri di Olbia e di Padru, il corpo forestale, i barracelli, associazioni di volontari, amici e familiari. Le operazioni sono state seguite anche dal sindaco di Padru, Antonello Idini. Accertata la morte per cause naturali il magistrato ha autorizzato la restituzione della salma ai familiari. (t.s.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes