Caso Navone, Nizzi: «Nessuna vendetta, chiamati al rispetto della legge»

Il capo della Grande Coalizione dovrà scegliere se restare direttore dell'area marina di Tavolara o consigliere comunale

OLBIA. Il sindaco Settimo Nizzi interviene sul caso Navone. Dopo che il consiglio comunale, con i soli voti della maggioranza, ha sancito l'incompatibilità del capo della Grande coalizione, che è sia consigliere di minoranza che direttore dell'Amp di Tavolara, il primo cittadino ha risposto alle accuse dei giorni scorsi.

«Nessun caso politico, noi siamo chiamati al rispetto della legge - dice Nizzi -. In questi giorni sono state fatte affermazioni gravissime. Noi non abbiamo detto che lui dovrà andare via. Lui dovrà decidere cosa fare, se rimanere consigliere comunale o se continuare a fare il direttore dell'Area marina di Tavolara. La nostra non è stata una vendetta, come è stato detto. Noi abbiamo preso atto di una situazione ben precisa. L'unica cosa che conta, qui, è la giurisprudenza, il rispetto della legge».

WsStaticBoxes WsStaticBoxes