Olbia, la “Maestosa” non pagherà l’affitto

La ruota panoramica installata sul lungomare di Olbia

Sconto Covid per la ruota panoramica, il Tar ha accolto il ricorso dei proprietari

OLBIA. Il Tar ha accolto il ricorso della ditta Kevin Lupetti di Pistoia, titolare della ruota panoramica “Maestosa”, attrazione turistica di Olbia, per la sospensione dell’ordine di pagamento di 100 mila euro, preteso dall’Autorità portuale per l'occupazione e l'uso di aree, per complessivi 1.159 metri. La ditta Kevin Lupetti, titolare della concessione demaniale, non dovrà pagare le cifre contestate per almeno un anno, fino all’udienza di merito, fissata per gennaio 2023. Il Tar ha sospeso l’efficacia dell’atto impugnato, ritenendo che sussista il presupposto del “periculum in mora”, alla luce dell’obiettiva rilevanza della somma richiesta al ricorrente e dell’attuale contesto economico di riferimento.

Lo scontro tra i titolari della concessione demaniale per la “Maestosa” e l’Autorità portuale si era spostato davanti al Tar, con la ditta che chiedeva l’annullamento, della nota dell’ente del 15 dicembre 2021. L’Authority chiedeva alla Lupetti il pagamento di circa 100 mila euro per l'occupazione e l'uso di aree, da parte sua la ditta titolare della concessione aveva presentato una richiesta di riduzione/esonero del pagamento dei canoni di concessione per un periodo che va dal 9 marzo 2020 al 15 maggio 2021. Più di 12 mesi durante i quali si sono avuti gli effetti del Covid su incassi e attività. Una riduzione dei canoni concessori causa emergenza Covid-19.

A suo tempo, prima della pandemia, l’Autorità portuale aveva accettato la richiesta di installare la ruota presentata dai proprietari della ruota e, come prevede la legge, aveva affisso un avviso pubblico nella sede all’Isola Bianca. La Port authority aveva poi assegnato l’area al miglior offerente sulla base del criterio del maggior rialzo sul canone di concessione, determinato dalla stessa Autorità portuale. Un rialzo che, evidentemente, non poteva tener conto dell’impatto che il Covid di lì a pochi mesi avrebbe avuto sull’economia turistica della città.

I difensori della ditta Kevin Lupetti gli avvocati Gian Luca Filigheddu, Antonello Desini e Nicoletta Mani, esprimono soddisfazione per l'esito dell'udienza cautelare soprattutto con riferimento alla sospensione della rilevante richiesta economica avanzata dall'autorità portuale; richiesta riferita ad un periodo in cui i decreti del Governo avevano chiuso ogni tipo di attrazione a livello nazionale. «Confidiamo che l'Autorità portuale ritorni sui suoi passi – dicono gli avvocati difensori – in quanto, diversamente, attenderemo fiduciosi la pronuncia definitiva da parte del tribunale amministrativo della Sardegna».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

WsStaticBoxes WsStaticBoxes