La Nuova Sardegna

Olbia

Padru, trasportava carasau ma in realtà era marjiuana: arrestato

Padru, trasportava carasau ma in realtà era marjiuana: arrestato

I carabinieri bloccano un 52enne di Burgos: nel suo automezzo due scatoloni con 11 chili di droga

02 aprile 2022
2 MINUTI DI LETTURA





PADRU. I carabinieri di Padru, con il supporto dei colleghi dello squadrone eliportato Cacciatori di Sardegna, hanno tratto in arresto un 52enne residente a Burgos, per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio. I militari, impegnati in un posto di controllo alla circolazione stradale nel centro di Padru, sono stati attratti e insospettiti dalla manovra repentina del cinquantacinquenne, il quale alla vista dei militari ha effettuato una brusca manovra per tentare di eludere il controllo.

Immediatamente la pattuglia del comando stazione di Padru ha inseguito e raggiunto l’autovettura condotta dallo spacciatore, che ha terminato la propria corsa in una strada senza uscita. Qui, l'uomo ha tentato di liberarsi di uno scatolone bianco riportante le scritte “pane carasau” lanciandolo nei cespugli, ma i carabinieri, effettuato il controllo dell’auto, hanno rinvenuto nel cofano un altro scatolone identico al precedente e con la medesima scritta che, una volta aperto, ha consentito ai militari di rinvenire cinque buste trasparenti per il sottovuoto, ognuna delle quali contenente dei germogli di “marijuana” pronti per lo spaccio e del peso ciascuno di poco più di un chilogrammo.

Subito dopo, i militari hanno ritrovato l’altro scatolone che conteneva pressapoco le medesime quantità di stupefacente, sempre suddiviso in buste per il sottovuoto, per un totale complessivo di 11 kg. di “marijuana”. La sostanza stupefacente è stata sequestrata, mentre il 52enne è stato condotto presso la casa circondariale “bancali” di sassari, a disposizione dell’autorità giudiziaria della procura della repubblica presso il tribunale di Sassari.

In Primo Piano
Politica

Psd’Az: congresso baraonda, Christian Solinas confermato segretario

di Umberto Aime
Le nostre iniziative