La Nuova Sardegna

Olbia

L’operazione

Olbia, carico di aragoste e cozze di contrabbando bloccato in porto dalla Guardia costiera

Olbia, carico di aragoste e cozze di contrabbando bloccato in porto dalla Guardia costiera

La merce era a bordo di un furgone pronto a imbarcarsi per la Penisola

08 agosto 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Olbia La Polizia di Stato e la Guardia Costiera di Olbia, nella serata di giovedì 3 hanno sottoposto a sequestro una ingente quantità di aragoste e di vongole, prive di tracciabilità destinate all’imbarco su un traghetto in partenza da Olbia. Il prezioso crostaceo e i mitili, pescati evidentemente nei mari della Sardegna e senza nessun documento che ne attestasse la provenienza, erano destinati ad alimentare il mercato illegale nella penisola. In occasione di un mirato servizio di vigilanza stradale all’ingresso del Porto di Olbia, gli operatori del Distaccamento Polizia Stradale di Olbia, hanno sottoposto a controllo un furgone che trasportava merci in regime di “temperatura controllata”.

Una volta aperto il vano, gli agenti hanno rinvenuto al suo interno sette sacchetti di molluschi bivalvi, nella fattispecie vongole veraci, per un totale di oltre 50 chilogrammi, senza etichettature e 49 aragoste, delle quali 11 già prive di vita. Essendo tutto il pescato privo di documenti è stato richiesto l’intervento del Reparto Operativo della Guardia Costiera di Olbia. Il prodotto ittico è stato quindi sottoposto a sequestro amministrativo e sono stati immediatamente attivati i contatti con l’Ente gestore dell’Area Marina Protetta di “Tavolara - Punta Coda Cavallo”, al fine del rilascio degli esemplari vivi in una zona di mare idonea.

Il mattino successivo il personale della Guardia Costiera di Olbia e dell’Area Marina Protetta, ha liberato 38 esemplari di aragoste e 66 chilogrammi di vongole veraci in un habitat consono alla specie e tutelato quale la Zona A di riserva integrale dell’Area Marina Protetta.

In Primo Piano
La tragedia

Terribile schianto nella notte: due morti e due feriti a Escalaplano

di Gian Carlo Bulla
Le nostre iniziative