La Nuova Sardegna

Olbia

Omicidio

Arzachena, Michele Fresi davanti al gip: «Ero convinto di essere aggredito dagli alieni»

Arzachena, Michele Fresi davanti al gip: «Ero convinto di essere aggredito dagli alieni»

Il parricida ha detto al giudice di aver assunto dieci dosi di Lsd e cocaina e di essere stato in preda alle allucinazioni

29 dicembre 2023
1 MINUTI DI LETTURA





Arzachena «Vedevo alieni intorno a me, ero convinto che ci stessero aggredendo e io cercavo di difendermi e chiedevo aiuto anche ai carabinieri». Interrogato dal gip del tribunale di Tempio, Marco Contu, Michele Fresi, il 27enne di Arzachena che mercoledì a notte fonda ha ucciso il padre a bastonate dopo aver anche ferito una sua amica e aggredito due carabinieri, ha ammesso di aver assunto droghe in dosi massicce quella sera: dieci dosi di Lsd e poi anche cocaina.

Era in preda alle allucinazioni e ha detto di non ricordare niente di ciò che ha fatto, di essere convinto che ci fosse un attacco da parte degli alieni. Il giovane, difeso dall’avvocato Pierfranco Tirotto, è stato riaccompagnato in cella. Il gip ha disposto la misura cautelare in carcere.

Michele Fresi è accusato di omicidio aggravato (per aver ucciso suo padre), resistenza e  lesioni personali aggravate dall’uso di un’arma. 

Giovanni Fresi, 58 anni, orafo conosciuto e stimato, era morto in ospedale due ore dopo l’aggressione da parte del figlio che gli aveva sferrato un colpo in testa con un bastone di legno. (t.s.)

Elezioni regionali 2024
Verso la nuova giunta

Alessandra Todde pronta a una rivoluzione, ed è già toto-assessorati

di Umberto Aime
Le nostre iniziative