La Nuova Sardegna

Olbia

La nonnina

I 100 anni di Mamma Aurelia, in famiglia la storia della ristorazione a Olbia

I 100 anni di Mamma Aurelia, in famiglia la storia della ristorazione a Olbia

Grandi festeggiamenti nella comunità alloggio San Giuseppe di Golfo Aranci

18 gennaio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Olbia Mamma Aurelia ha compiuto cento anni e il 16 gennaio ha festeggiato in salute e felicità con tutti i suoi figli e con i sindaci di Olbia Settimo Nizzi e di Golfo Aranci Mario Mulas. La neo nonnina centenaria – Framingheddu di cognome, Decandia la famiglia – custodisce una lunga storia di vita e di saggezza, ma c’è di più e la classica foto di buon compleanno in famiglia racconta una storia nella storia. Cioè la storia della ristorazione a Olbia negli ultimi quarant’anni e più. Gavino e Iano titolari del ristorante La Palma, Renzo titolare con la moglie Eliana del ristorante By Night, Maria Antonietta titolare con il marito di un agriturismo a Ovilò, poi Nino e Gianfranco. Tutti insieme hanno cucinato (sempre molto bene) per generazioni di olbiesi e per qualche decina di migliaia di turisti.

Mamma Aurelia, olbiese verace, lucidissima, ha festeggiato il suo centesimo compleanno a Golfo Aranci, nella comunità alloggio San Giuseppe in via Libertà, dove trascorre serenamente e in compagnia l’autunno della sua vita. Lì ha accolto tutti i figli e i sindaci di Olbia e di Golfo Aranci che le hanno consegnato una pergamena ricordo a nome delle amministrazioni comunali che rappresentano. Sabato 19 gennaio si replica, e sarà la riunione di tutti i familiari e gli amici della famiglia.

«È un privilegio – parole del sindaco Nizzi – festeggiare in serenità con la signora Aurelia il suo centesimo compleanno ed è bello vederla insieme a tutti i suoi figli. Tutti affettuosi e premurosi. La fotografia di una grande e unita famiglia felice». Per l’occasione mamma Aurelia ha voluto ringraziare i suoi figli. Una lettera tenera e commovente: «Vi siete sempre presi cura di me – scrive –. Col tempo vi siete formati una famiglia, le vostre mogli e i mariti sono diventati altri figli per me. Ora siete una grande famiglia che tanto amo. Ora, al tramonto di questa mia lunga esistenza, vorrei tanto ringraziarvi del sostegno e dell’amore che mi avete dato e che continuate a darmi. Sono molto felice e orgogliosa di tutti voi». 

Elezioni regionali 2024
Verso la nuova giunta

Alessandra Todde pronta a una rivoluzione, ed è già toto-assessorati

di Umberto Aime
Le nostre iniziative