La Nuova Sardegna

Olbia

Formazione

Arzachena, il lavoro si cerca a scuola: in cento per il Talent Day della Fipe

di Giandomenico Mele

	Un momento del Talent Day all'Ipsar Costa Smeralda (foto Vanna Sanna)
Un momento del Talent Day all'Ipsar Costa Smeralda (foto Vanna Sanna)

All’istituto alberghiero l’incontro tra giovani e aziende della ristorazione e dell’ospitalità

13 marzo 2024
3 MINUTI DI LETTURA





Arzachena. Quale migliore location per far incontrare domanda e offerta di lavoro nel settore dell’ospitalità e della ristorazione? L’istituto alberghiero di Arzachena, ieri, ha così ospitato il Talent Day della Fipe Confcommercio. La federazione dei pubblici esercizi ha infatti scelto lo storico Ipsar Costa Smeralda come luogo ideale per mettere al centro del villaggio la formazione di qualità.

Una giornata dedicata alla ricerca di lavoro che guarda al mondo dei pubblici esercizi, con un focus su ristorazione e ospitalità. La terza edizione del Talent Day, organizzata da Fipe Confcommercio, si è così aperta con il convegno dal titolo “I pubblici esercizi per il futuro”, mentre nel pomeriggio spazio ai colloqui di lavoro da parte di trenta aziende del territorio. Un momento che ha coinvolto un centinaio di studenti dell’istituto alberghiero, tra la sede smeraldina e anche quella di Budoni. Un Talent Day innovativo che, per la prima volta, ha introdotto una parte pratica con gli chef ai fornelli per dimostrare le proprie abilità nella preparazione di un pranzo di gala.

«Siamo riusciti a portare questo evento ad Arzachena, al centro dei luoghi dove viene svolta la formazione degli allievi che saranno i futuri lavoratori delle nostre aziende – spiega Alessandro Carta, presidente Fipe Confcommercio di Arzachena –. Un momento importante di incontro tra domanda e offerta, con i ragazzi che hanno la possibilità di confrontarsi con le aziende del territorio. Un primo passo per creare una sinergia e vari appuntamenti tra aziende e alunni dell’alberghiero».

Un’occasione presa al volo dai ragazzi, come Antonio Pinna, 18 anni, allievo dell’Ipsar. «Sono qui per fare dei colloqui di lavoro – racconta – e per informarmi su impieghi stagionali o stage, visto che ancora studio». Insieme a lui Gabriele Degortes, sempre diciottenne, al quarto anno dell’alberghiero. «Ho avuto l’opportunità di conoscere tante aziende e fare diversi colloqui, spero siano andati bene e devo dire che questa manifestazione ha offerto a tanti di noi una grande opportunità» dice il giovane studente.

Concetto ribadito anche da Marco Mura, ristoratore di Olbia, presidente di Fipe Confcommercio della Gallura. «L’obiettivo di un evento come questo è quello di riuscire a ritrovare quel legame tra la domanda e l’offerta nel turismo, che da qualche tempo sembrava spezzato – conferma Mura –. Non solo nel turismo ma anche in altri settori la ricerca di personale è complicata. Prima viaggiavamo da soli, ora abbiamo capito che l’unione tra tutti gli attori è fondamentale. Dobbiamo invogliare chi ha motivazioni e curiosità a farsi avanti nel settore della ristorazione e del turismo, senza paura. Il futuro è nelle loro mani».

Durante il convegno, che ha aperto la giornata del Talent Day di Fipe Confcommercio, è intervenuta anche Cristina Usai, neo-consigliera regionale della Gallura e padrona di casa, in quanto vicesindaca di Arzachena. «La formazione è fondamentale per far crescere dei professionisti, perché è necessario essere ambiziosi e lavorare per raggiungere impieghi più qualificati – ha sottolineato la vicesindaca di Arzachena –. In questo è importante la collaborazione tra istituzioni, scuole e associazioni di categoria, ma soprattutto è fondamentale la volontà degli studenti di ambire a qualcosa di importante, per distinguersi all’interno di attività che sono il fulcro dell’economia del nostro territorio».

In Primo Piano
L’intervista

L’assessore regionale Franco Cuccureddu: «Possiamo vivere di turismo e senza abbassare i prezzi, inutile puntare solo su presenze e grossi numeri»

di Luigi Soriga
Le nostre iniziative