La Nuova Sardegna

Oristano

Seneghe, il fronte anti geotermia si rafforza a Roma

di Piero Marongiu

ORISTANO. Dal convegno indetto a Roma dalla Rete nazionale “No alla geotermia elettrica”, al quale hanno partecipato anche i sindaci di Seneghe, Antonio Luchesu, e di Santu Lussurgiu, Emilio Chessa,...

09 marzo 2014
2 MINUTI DI LETTURA





ORISTANO. Dal convegno indetto a Roma dalla Rete nazionale “No alla geotermia elettrica”, al quale hanno partecipato anche i sindaci di Seneghe, Antonio Luchesu, e di Santu Lussurgiu, Emilio Chessa, sui cui territori ricade il progetto per la ricerca di risorse geotermiche denominato Cuglieri, si evincono numerosi elementi che contribuiscono a far aumentare la preoccupazione dei cittadini circa i rischi insiti nel progetto.

Dagli specialisti e dalle relazioni dei rappresentanti dei comitati sorti in molte regioni per dire no alla geotermia, sono emersi alcuni punti importanti e alcune richieste per il governo. «Uno dei principali problemi da affrontare – spiegano gli organizzatori – è quello dell’esistenza di un dogma culturale, dovuto a scarsa conoscenza sia nell’opinione pubblica che negli ambienti della pubblica amministrazione, secondo il quale la geotermia è sempre pulita, rinnovabile, sostenibile. Un dogma alimentato dal circuito degli imprenditori attratti esclusivamente dagli incentivi statali, e fideisticamente accettato da molti ambienti governativi senza veri approfondimenti. La ricerca scientifica mondiale e l’esperienza maturata sul campo mostrano che la geotermia non è affatto sempre pulita, rinnovabile, sostenibile. Lo è solo in determinate condizioni, che dipendono dalla tecnologia impiegata e dalla specificità del territorio nel quale la si vuole usare. Ogni caso va esaminato a parte, con appropriata attenzione e grandissime cautele». Le conclusioni a cui sono giunti i relatori non lasciano dubbi circa i danni che i metodi di estrazione dell’energia geotermica possono causare all’ambiente e ai cittadini.

I dati forniti sull’Amiata, dove vengono utilizzate vecchie tecnologie con emissioni a cielo aperto, dicono che queste sono state nefaste per i cittadini e per l’ambiente di quelle zone. L’uso delle nuove tecnologie a ciclo chiuso, pur evitando l’emissione di veleni nell’aria, presenta altre criticità come il basso rendimento a fronte di enormi incentivi, rischi di sismicità, fenomeni di subsidenza, inquinamento delle falde acquifere, forti impatti sui territori e pochissimi posti di lavoro.

«Chiediamo al governo – conclude la nota – una moratoria che sospenda il piano geotermico e i relativi incentivi, consenta di ripensare la sua economicità, di valutare bene le criticità e gli impatti delle varie tecnologie impiegate, adeguare la normativa in modo conseguente, mappare il territorio decidendo le zone di esclusione, dove gli impianti presentano rischi eccessivi».

Elezioni regionali 2024
La polemica

Alessandra Todde a Christian Solinas: «Sospenda le 200 delibere inopportunamente adottate all’oscuro dei cittadini sardi»

Le nostre iniziative