La Nuova Sardegna

Oristano

In viale Repubblica comandano i vandali

La denuncia degli operatori del Centro servizi culturali: «Passiamo i lunedì a ripulire»

27 maggio 2014
2 MINUTI DI LETTURA





ORISTANO. Forse arriveranno le telecamere. E forse risolveranno il problema. O forse no: i vandali si sposteranno poco poco più in là, dove l'occhio elettronico non arriva. Dietro i raid pressoché quotidiani non 'è un problema di tecnologia, ma di cultura. E di educazione. E di maleducazione, se si preferisce. I giochi per disabili danneggiati nei giardini pubblici di viale Repubblica, solo uno dei tanti episodi. Sabato notte un falò è stato acceso davanti alla porta dell'ex biblioteca comunale. «Noi siamo abituati - dice il direttore del Centro servizi culturali di via Carpaccio, Marcello Marras -. Capita spesso che trascorriamo i lunedì a ripulire ciò che lasciano i vandali, a tentare di riparare, a presentare denuncia ai carabinieri».

Il raid si è ripetuto anche sabato scorso: vetri rotti, pluv iali divelti, pozzetti spaccati, tentativi di incendio, piante sradicate.

«Per noi del Centro servizi culturali - scrivono in una lettera aperta gli operatori della struttura -, è proprio difficile andare a lavorare il lunedì. Il nostro lavoro ci piace, e veniamo sempre con l'entusiasmo di preparare nuove attività e di offrire i nostri servizi ai cittadini».

Il problema è doversi occupare di mettere riparo ai guai provocati dai vandali: «Nel fine settimana viviamo con la speranza di ritrovare il Centro, e il suo giardino, nella stessa situazione in cui lo lasciamo il venerdì. E invece? E invece molti lunedì la nostra speranza viene tradita». Come è accaduto nel fine settimana appena trascorso.

«Il divertimento preferito da tante persone “nell'inebriante” fine settimana della nostra città: distruggere ciò che è bene pubblico, ciò che appartiene a tutti».

Dall'amarezza alla scossa. «Possibile che una città come Oristano non abbia la forza e la voglia di ribellarsi, di far capire a figli, a genitori, a nonni, ad educatori che una società migliore si può avere solo partendo dal rispetto dell'altro e di ciò che ci circonda?».

Marcello Marras aggiunge: «E la società oristanese che si deve mettere in discussione. È troppo semplicistica l'accusa a quattro ragazzi maleducati. C'è un problema più ampio, che non può riguardare solo il centro servizi culturali, ma tutti quanti. Serve una soluzione per invertire la rotta». (r.pe.)

In Primo Piano
Infrastrutture

Interventi a rilento, le dighe affogano nella burocrazia

di Salvatore Santoni
Le nostre iniziative