Il canile di Malosa si finanzia con il “canettone”

GHILARZA. Sarà un Natale dal gusto diverso per gli esemplari accuditi nel canile di Malosa. Quantomeno lo spera l’associazione regionale Zampe sarde, alla costante ricerca di forme di finanziamento...

GHILARZA. Sarà un Natale dal gusto diverso per gli esemplari accuditi nel canile di Malosa. Quantomeno lo spera l’associazione regionale Zampe sarde, alla costante ricerca di forme di finanziamento per supportare la gestione delle strutture che ospitano i randagi. L’ultima trovata è la vendita dei dolci tipici delle festività di fine anno preparati senza l’utilizzo di materie prime di origine animale. La ricetta del “canettone” e del “candoro” sperimentata e proposta dal gruppo di protezione animali non contempla infatti diversi ingredienti tradizionalmente usati per l’impasto. Il ricavato delle vendite è destinato al canile comunale gestito dall’associazione I miei amici, gemellata con Zampe sarde. I sostenitori potranno acquistare il panettone e il pandoro al costo rispettivamente di dieci e di dodici euro l’uno più 9,90 euro di spese postali per un ordine del peso massimo di venti chili. Tre le opzioni di pagamento: bonifico bancario (Iban: IT 07K 0335967684510700199564 intestato all'associazione “ I Miei Amici Onlus”), paypal (flavia@zampesarde.it causale invia denaro a parenti e amici”), e versamento sul conto corrente postale numero 93396794 intestato all'associazione “I Miei Amici Onlus”. Intanto è già disponibile il Canendario 2016 che il gruppo Zampe sarde ha realizzato con le foto degli animali custoditi nel rifugio di Malosa. La finalità è sempre la stessa: sostenere l’attività del canile. (mac)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes