Viticoltura, arte da tutelare

Un convegno completa il laboratorio di potatura voluto dal Comune

MODOLO. Sarà un convegno, che metterà a confronto studiosi ed esperti, a chiudere il Laboratorio di potatura della vite che si è svolto, nell’ambito del progetto intercomunale Manos de Oro, nel piccolo paese della Planargia nei giorni scorsi. L’appuntamento è fissato per sabato dodici dicembre, dalle nove nel salone parrocchiale, con tema “La vitocoltura in Planargia.” Chiuso intorno alle quattordici da una degustazione dei prodotti tipici locali, sotto la guida dell’enogastronomo Gilberto Arru. Moderatore sarà l’agronomo Livio Pertrini, coordinatore del Progetto Manos de Oro, che introdurrà gli interventi del professor Bacchetta del Centro di Conservazione della Biodiversità dell’Università di Cagliari, del collega Attilio dell’Università di Milano, di Francesco Deledda della Simonit&Sirch e di Marilena Budroni dell’Università di Sassari. «Il Convegno completa il percorso realizzato con il laboratorio sulla potatura, iniziato il 14 novembre 2015, che ha coinvolto ben 38 partecipanti. Tra cui i produttori professionisti delle cantine locali, le aziende agricole del territorio, gli appassionati cultori della materia e tanti giovani motivati ad intraprendere un percorso lavorativo nel campo vitivinicolo» spiegano gli organizzatori dell’evento. A tenere le lezioni nei giorni scorsi a Modolo erano stati invece i tecnici Francesco Deledda e Denis Cociancig, tutor di Simonit&Sirch – Preparatoriduva, azienda leader nel settore. L’invito a partecipare all’appuntamento di Modolo arriva infine dal sindaco del paese Omar Hassan, rivolto a tutti gli appassionati affinchè partecipino ad una interessante giornata «nella quale la comunità scientifica e tecnologica incontra il piccolo centro di Modolo per parlare di viticoltura, di territorio e di prospettive di sviluppo», spiega il primo cittadino. (al.fa.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes