La Nuova Sardegna

Oristano

massama

Comune e detenuti puliscono la chiesa

Comune e detenuti puliscono la chiesa

ORISTANO. Puliti e restituiti alla vista e alla memoria dei cittadini. Sono i ruderi dell’antica chiesa campestre di Massama intitolata a San Nicola ammirabili grazie alla collaborazone tra l’amminist...

09 gennaio 2017
1 MINUTI DI LETTURA





ORISTANO. Puliti e restituiti alla vista e alla memoria dei cittadini. Sono i ruderi dell’antica chiesa campestre di Massama intitolata a San Nicola ammirabili grazie alla collaborazone tra l’amministrazione comunale e la Casa circondariale di Massama. Il lavoro di recupero del sito, realizzato con la supervisione dell’archeologo Raimondo Zucca ha impegnato una squadra di operai composta da personale della società in house del Comune Oristano Servizi e da un gruppo di detenuti. Il sito si affaccia sulla Statale 292, dalla quale però resta ancora poco visibile Secondo alcune fonti, la chiesa è medievale, probablmente tardo romanica, e ha ospitato la festa di San Nicola fino al 1868. Da allora sarebbe stata utilizzata come cimitero fino al 1928, quando fu inaugurato il nuovo poco meno di un chilometro più avanti. (fgp)

In Primo Piano
Allarme sicurezza

Sassari, panico a San Donato: nigeriano spara in aria con una pistola

Video

Europeade del folklore, Alessandra Todde: «Nuoro al centro della cultura europea»

Le nostre iniziative