I tre maggiorenni condannati attendono la data dell’udienza

GHILARZA. Poche settimane, forse giorni, e si saprà quando anche i tre maggiorenni all’epoca del delitto finiranno nuovamente davanti al giudice. In primo grado, per Christian Fodde, Riccardo Carta e...

GHILARZA. Poche settimane, forse giorni, e si saprà quando anche i tre maggiorenni all’epoca del delitto finiranno nuovamente davanti al giudice. In primo grado, per Christian Fodde, Riccardo Carta e Matteo Satta, tutti e tre ghilarzesi, erano arrivate condanne di diversa entità. Il giudice per le indagini preliminari Silvia Palmas, li aveva ritenuti colpevoli e condannati al termine del rito abbreviato. Per Christian Fodde era arrivato l’ergastolo e lo sconto di pena previsto dal rito era stato quello di non riconoscergli l’isolamento diurno quale pena ulteriore. Riccardo Carta, sul cui terreno in campagna si compie il delitto, è stato coondannato a trent’anni. Matteo Satta, colui che tiene i telefonini del gruppo lontano dal luogo dell’omicidio per creare un alibi, deve invece scontare una pena di sedici anni e otto mesi. I loro avvocati difensori Aurelio Schintu, Angelo Merlini e Antonello Spada avevano presentato appello e ora tutti e tre gli imputati attendono la fissazione dell’udienza. I termini stanno per scadere, non c’è molto da attendere prima di tornare in aula. (e.carta)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes