I carabinieri consegnano i tablet

Trenta studenti di Cabras potranno seguire lezioni a distanza

CABRAS. Al tempo del Coronavirus, con le scuole chiuse, l’unico strumento che consente ad insegnanti e alunni di concludere l’anno scolastico in corso è l’insegnamento a distanza attraverso l’uso dei mezzi informatici. Non tutti gli alunni però dispongono di un Computer o di un tablet che consenta loro di seguire le lezioni, svolgere compiti e interloquire con gli insegnati. A sopperire a tale mancanza ci ha pensato la scuola che, in collaborazione con i carabinieri del comando provinciale, ha messo a disposizione degli alunni meno fortunati gli ausili didattici necessari. Ieri mattinata, nel quadro delle iniziative di vicinanza e di risposta alle varie esigenze/istanze raccolte dalle comunità dei diversi territori, i militari dell’arma hanno provveduto a consegnare 31, tra computer portatili e tablet, strumenti informatici ad altrettante famiglie. Gli ausili sono stati messi a disposizione dall'Istituto Comprensivo cabrarese, diretto dalla professoressa Marina Enna. In particolare, i Comandanti delle Stazioni di Riola Sardo (Luogotenente Raimondo Orgiu) e di Cabras (Maresciallo Maggiore Raffaele Palmese), quali referenti istituzionali per i territori loro affidati, hanno incontrato il Dirigente Scolastico dell’Istituto che ha consegnato loro gli ausili didattici, successivamente distribuiti a otto studenti di Riola sardo e a 23 di Cabras. (pi.maro)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes