Illuminazione, la multinazionale Engie bussa anche a Ghilarza

GHILARZA. Ghilarza segue Oristano. Il Comune ha scelto la strada della finanza di progetto per la cura d’urto sul sistema di illuminazione pubblica e affidare in concessione il servizio di energia e...

GHILARZA. Ghilarza segue Oristano. Il Comune ha scelto la strada della finanza di progetto per la cura d’urto sul sistema di illuminazione pubblica e affidare in concessione il servizio di energia e gestione integrata, includendo nel pacchetto gli impianti termici, antincendio, di condizionamento, idrico-sanitari, fotovoltaici e il patrimonio tecnologico degli immobili di proprietà dell’ente.

I candidati che presenteranno l’offerta dovranno lavorare a un piano capace di superare quello predisposto dalla Engie, la multinazionale francese che ha chiesto spazio anche nel capoluogo dando vita a una serie di polemiche e dubbi. A parità di condizioni, alla Engie sarà riconosciuto il diritto di prelazione. Il concessionario sarà individuato al termine del periodo di pubblicazione del bando confezionato sulla base della proposta elaborata dai francesi. Il servizio sarà gestito per i prossimi vent’anni dietro il corrispettivo di un canone dell’importo massimo di 5 milioni e 232mila. La soglia è stata determinata sulla base dei consumi e delle spese storiche sostenute dall’ente locale nell’ultimo triennio, rispetto alle quali ci si aspetta molteplici vantaggi. «Interverremo a tappeto sull’intero sistema di illuminazione, lo adegueremo alle norme sulla sicurezza e sul contenimento dell’inquinamento luminoso ottenendo un miglioramento dell’efficienza e un risparmio che si tradurrà in altri investimenti», afferma il sindaco Alessandro Defrassu. (mac)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes