Sindaci e associazioni per il diritto alla salute

ORISTANO. La manifestazione sarà condizionata dalle norme anti-covid, ma è facile prevedere una grande adesione da tutta la provincia alla giornata di protesta organizzata per sabato per rivendicare...

ORISTANO. La manifestazione sarà condizionata dalle norme anti-covid, ma è facile prevedere una grande adesione da tutta la provincia alla giornata di protesta organizzata per sabato per rivendicare una sanità efficiente a Oristano e nel territorio.

Sabato, alle 10,30, nell’area all’aperto del parcheggio di via Carducci, si ritroveranno i rappresentanti delle istituzioni che hanno aderito all’appello lanciato dalla Commissione speciale sanità del Comune di Oristano, da Cgil, Cisl e Uil, dalle quattro associazioni (Komunque donne odv, ANIAD onlus, Thalassemici Oristano Onlus, Cittadinanzattiva) che questa estate hanno presentato un esposto in Procura, dai Comitati a difesa dell’ospedale di Bosa e di Ghilarza e il Comitato per il diritto alla salute della provincia di Oristano.

Ci saranno anche i sindaci, a cominciare da quello del comune capoluogo. Nei giorni scorsi il consiglio ha approvato all’unanimità il Patto per la salute. Lutzu invita gli altri comuni della Provincia a farlo proprio. «Il Patto per la Salute vuole esaltare il desiderio di unità di tutto il territorio, per rivendicare e promuovere una sanità di qualità – spiegano il sindaco Lutzu e il presidente della commissione speciale sanità Efisio Sanna – dobbiamo uscire dai localismi e attraverso il patto lavorare per creare la massima unità del territorio intorno a una sanità di qualità. Gli ospedali e l’intero sistema sanitario sono in sofferenza per carenze di organici e mai come oggi, nel pieno dell’emergenza sanitaria, questo è drammaticamente evidente. La commissione sanità nei mesi scorsi ha effettuato un lavoro straordinario – prosegue Sanna – e la manifestazione del 7 novembre sarà il momento in cui tutto il territorio potrà far sentire la sua voce e chiedere il rispetto del diritto alla salute che oggi, dopo anni di progressiva smobilitazione, è messo in discussione da una politica sanitaria sconsiderata”.

La manifestazione, che si svolgerà in forma statica, è organizzata nel rispetto delle norme anti-covid-19 e dei suggerimenti della Questura.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes