Ancora contagi, chiusi Informacittà e scuole

Sempre problemi all’istituto comprensivo 3. A Cabras immunizzato il 7,5% della popolazione

ORISTANO. Le buone notizie arrivano dalla guarigione di quattordici persone. I contagi sono invece solamente quattro, ma la situazione in città rimane problematica. Il servizio Informacittà del Comune rimarrà infatti chiuso ancora per tutta la settimana prossima a causa dei casi di covid accertati tra il personale nei giorni scorsi. La riapertura sarà comunicata per termpo agli utenti attraverso il canale Facebook del servizio e il sito istituzionale del Comune. L’amministrazione comunica anche la prosecuzione della chiusura di tutti i plessi dell’Istituto Comprensivo Statale 3 che proseguirà sino a quando non cesseranno le condizioni per cui è stato necessario adottare l’ordinanza e stabilire le attività didattiche a distanza. «Nei giorni scorsi altri casi di covid sono stati registrati in alcune classi dell’istituto e, fino a nuova comunicazione dell’Assl, non è dunque consigliabile procedere con una riapertura», spiegano il Sindaco Andrea Lutzu e la dirigente scolastica Pasqualina Saba.

Le buone notizie riguardano l’andamento delle somministrazioni delle seconde dosi a Cabras destinate agli ultra ottantenni. È la chiusura della campagna per la fascia più anziana della popolazione che ha visto ieri le somministrazioni a 300 anziani. Significa che è immunizzato il 7,5% della popolazione lagunare. Il sindaco Andrea Abis e l’assessora alle Politiche sociali Laura Celletti hanno salutato il traguardo con un ringraziamento del personale sanitario dell’Ats-Assl Oristano, dei medici di medicina generale e della preziosa collaborazione dei volontari. Durante la prima fase, del 25 e 26 marzo, non tutti gli aventi diritto avevano deciso di partecipare. «Nel periodo intercorrente tra la prima e la seconda dose abbiamo ricevuto diverse nuove adesioni. Tutti i nominativi –ha assicurato il Sindaco Abis –, verranno comunicati all’Ats che procederà a contattare ognuno e a fissare la data per il vaccino».

Paolo Camedda

WsStaticBoxes WsStaticBoxes